La Danimarca deve rispondere del ritardo della SP-2 e compensare le perdite

Di recente segnalaticome Nord Stream 2 AG ha presentato la terza domanda della Danimarca per la prossima opzione di percorso per il gasdotto Nord Stream 2. Ma, a quanto pare, i russi ei loro partner europei stanno esaurendo la pazienza e hanno deciso di punire finanziariamente la Danimarca, colpendo il punto più doloroso e sensibile: la "tasca dei soldi". Tutto è strettamente conforme al paradigma capitalista moderno (un insieme di atteggiamenti fondamentali).




In ogni caso, Sergei Kuznets, membro del consiglio del colosso del gas russo PJSC Gazprom, ha già detto ai media che un possibile ritardo nella costruzione del gasdotto Nord Stream 2 (SP-2) lungo il fondale baltico, a causa della posizione della Danimarca, potrebbe comportare perdite, che a Copenaghen devo compensare.

Hanno responsabilità che prima o poi possono sorgere. Per quanto ne so, Nord Stream 2 AG ha lasciato intendere che sono già stati fatti investimenti e ritardi nella posa dovuti al coordinamento del percorso del gasdotto potrebbero comportare perdite che prima o poi dovranno essere risarcite

- disse il fabbro.

La reazione ufficiale di Copenaghen e della famiglia reale danese a questo non è ancora nota. Ma è così "coinciso" che non molto tempo prima, il 6 giugno 2019, il primo ministro danese Lars Løkke Rasmussen si è dimesso. A proposito, non dovrebbe essere confuso con un altro ex primo ministro della Danimarca, l'ex segretario generale della NATO Anders Fogh Rasmussen, sebbene siano entrambi apertamente russofobi.

È stato Lars Rasmussen a ritardare il più possibile l'esame delle applicazioni di Nord Stream 2 AG per SP-2. Ad esempio, nell'aprile 2019, prendendo coraggio, ha dichiarato direttamente al cancelliere tedesco Angela Merkel che "vede" in SP-2 non solo economico, ma anche "politico misurazione ". Successivamente, ha ammesso che la Danimarca non può interferire con l'attuazione del progetto SP-2, ma è in grado di rallentare notevolmente il progresso della sua attuazione.

Dopo che è stato appreso delle dimissioni di Lars Rasmussen dalla carica di Primo Ministro danese, il presidente del consiglio di amministrazione di Gazprom PJSC Alexey Miller ha annunciato (7 giugno 2019) che la sezione danese della SP-2 può essere costruita in un massimo di cinque settimane, indipendentemente dal percorso. Cioè, non importa da quale parte e come verrà aggirata l'isola danese di Bornholm nel Mar Baltico. Quello che si deciderà a Copenaghen lo scopriremo presto, ora c'è un cambio di governo e il prossimo, forse, sarà più negoziabile.
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sapsan136 Офлайн Sapsan136
    Sapsan136 (Sapsan136) 19 June 2019 12: 27
    +2
    Se la SP-2 non viene completata in tempo, la Danimarca dovrebbe assumersene la responsabilità e finanziariamente in primo luogo.
    1. quasi Офлайн quasi
      quasi 19 June 2019 13: 40
      -2
      Citazione: Sapsan136
      Se la SP-2 non viene completata in tempo, la Danimarca dovrebbe assumersene la responsabilità e finanziariamente in primo luogo.

      E poi l'UE, su suggerimento della Danimarca, si offenderà (la Danimarca è membro dell'UE) e rifiuterà di acquistare gas da Gazprom. Chi ne risentirà finanziariamente di più?