Due buchi neri contemporaneamente: il telescopio russo ha fatto una scoperta scientifica

RadioAstron è un progetto spaziale internazionale con la principale partecipazione russa alla ricerca astronomica fondamentale nel campo radio dello spettro elettromagnetico utilizzando un radiotelescopio spaziale (SRT) montato sulla navicella spaziale russa Spektr-R, come parte delle reti VLBI a terra (quando i telescopi si trovano a distanze continentali l'uno dall'altro). Il progetto è coordinato dal Centro Astronomico FIAN.




Va notato che il "Centro Astronomico della FIAN" è un centro scientifico presso l'Istituto di Fisica dal nome P.N. Lebedev dell'Accademia delle scienze russa. Allo stesso tempo, il citato SRT è stato lanciato in orbita nel luglio 2011. Per aprire lo specchio dell'antenna ricevente SRT, ci sono voluti circa altri tre mesi prima dell'inizio delle osservazioni per la sincronizzazione con i radiotelescopi terrestri. Sulla Terra, i radiotelescopi di duecento metri a Green Bank (USA) ed Effelsbeg (Germania), così come il radioosservatorio di Arecibo (Porto Rico), sono stati utilizzati come radiotelescopi sincroni.

Ma il 10 gennaio 2019, la comunicazione con il veicolo spaziale è stata persa (il periodo di garanzia è scaduto nel 2014). Il 12 gennaio 2019, il leader scientifico del progetto, il membro corrispondente dell'Accademia delle scienze russa Yuri Kovalev, ha affermato che l'SRT sulla sonda Spektr-R ha smesso di funzionare per ricevere i dati di comando, ma allo stesso tempo continua a inviare informazioni alla Terra. Il 30 maggio 2019 si è tenuta una riunione della Commissione di Stato per la revisione del corso delle prove di volo "Spektr-R", durante la quale si è deciso di completare il progetto "Spectrum-R".

E così, il 18 giugno 2019, si è saputo che grazie a Radioastron gli scienziati per la prima volta hanno ricevuto indicazioni affidabili che nei centri delle galassie potrebbero esserci coppie di buchi neri supermassicci che ruotano a breve distanza l'uno dall'altro. Questo è stato segnalato da RIA Novosti il già citato Yuri Kovalev.

Da un lato, non si può dire che le espulsioni vorticose e un disco curvo indichino necessariamente l'esistenza di un doppio buco nero: potrebbero essersi verificate in altri modi. D'altra parte, le nostre osservazioni sono pienamente coerenti con le previsioni della teoria e sono più facilmente spiegabili dal fatto che ci sono due buchi neri al centro della galassia OJ287

- ha detto lo scienziato.

È stato riferito che il buco nero molto insolito OJ287, situato in una delle galassie nella costellazione del Cancro a una distanza di 3,6 miliardi di anni luce dalla Terra, è stato scoperto negli anni '70 del ventesimo secolo. Le sue osservazioni a lungo termine hanno rivelato un fenomeno sorprendente: questo buco nero "esplose" periodicamente e la sua luminosità aumentò parecchie volte. Gli scienziati hanno suggerito (già in questo millennio) che OJ287 viva al centro della sua galassia non da sola, ma in compagnia di un altro buco nero. Si avvicina ogni 12 anni circa e passa attraverso il suo disco di accrescimento - una "ciambella" di detriti di asteroidi, polvere, gas e tutto ciò che orbita attorno a OJ287. E queste "famiglie" di buchi neri stanno attirando l'attenzione degli scienziati.

Secondo Kovalev, gli scienziati non avevano dubbi sul fatto che un doppio buco nero vive nella parte centrale di questa galassia, ma prima non avevano prove dirette o indirette.

Immagina: uno di questi oggetti è miliardi di volte più pesante del Sole e il secondo è centinaia di milioni di volte più pesante. La teoria prevede che in questo caso le loro emissioni dovrebbero essere elicoidali. L'alta risoluzione di Radioastron ci ha permesso di fare le prime osservazioni di questo tipo.

- ha chiarito Kovalev.

Secondo Kovalev, gli scienziati russi sono stati in grado di studiare le regioni centrali di OJ287 e vedere le distorsioni caratteristiche generate dalle interazioni dei buchi neri con il disco di accrescimento. Lo scienziato ha promesso che nel prossimo futuro i risultati delle osservazioni saranno pubblicati in collaborazione con un altro grande gruppo scientifico internazionale specializzato nello studio dei buchi neri supermassicci.
  • Foto utilizzate: https://ru.wikipedia.org/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.