"Guerra del gas": la Russia ha raggiunto un accordo con l'UE alle spalle di Kiev

RAO Gazprom ha rilasciato dati che possono essere considerati in una certa misura sensazionali. Si scopre che il gigante del gas russo nel periodo aprile-maggio di quest'anno è riuscito a raggiungere i volumi di fornitura di gas all'Europa, simili al livello record dello scorso anno. Nonostante il caldo estivo fuori dalla finestra, i paesi del Vecchio Mondo stanno pompando freneticamente carburante nei depositi sotterranei. economico tra i fattori che determinano questa attività, gli analisti citano come un calo stagionale dei prezzi del gas e un leggero calo dei prezzi del petrolio, tuttavia, la ragione principale è molto probabilmente qualcos'altro. Che cosa esattamente? Scopriamolo.




Ucraina senza transito: l'Europa è riconciliata?


Il punto è che gli impianti di stoccaggio sotterranei europei di gas contengono già un volume di gas senza precedenti: 66 miliardi e mezzo di metri cubi. Questo, a proposito, è la metà di quanto è stato caricato lì nello stesso periodo dell'anno scorso. Inoltre, entro settembre-ottobre si prevede di essere riempiti al massimo con il carburante ricevuto da Gazprom. Tutto questo sembra non più per cercare di risparmiare sugli "sconti stagionali" o semplicemente per seguire la saggezza popolare di preparare uno slittino d'estate, ma per attuare un chiaro piano d'azione volto a tutelare l'Europa da gravissimi problemi. Che cosa esattamente? Si tratta probabilmente di più di una possibile cessazione letterale dai primi giorni del 2020, il transito del "carburante blu" attraverso l'Ucraina, la cui probabilità oggi è prossima al 99.9%.

Se Nord Stream 2 entrerà in funzione quest'anno, nonostante tutti gli ostacoli che Washington pone al suo completamento, la questione sarà risolta, praticamente, inequivocabilmente. Quale transito ?! Eliminando semplicemente gli infiniti capricci e le richieste di Kiev, la Russia e l'UE continueranno la normale cooperazione reciprocamente vantaggiosa, lasciando il GTS ucraino "insostituibile" ad arrugginirsi e cadere a pezzi come completamente inutile. Tuttavia, anche se la messa in servizio del gasdotto sarà rinviata per qualche tempo (sia per gli sforzi degli Stati Uniti che per alcuni tecnico motivo), non importa. Per qualche tempo Gazprom sarà in grado di fornire i propri rifornimenti ai consumatori europei, anche "chiudendo il rubinetto" di chi non fa leva e non vuole negoziare in maniera civile. Il capo dell'NJSC ucraino Naftogaz Andriy Kobolev non molto tempo fa ha dichiarato apertamente che “la Russia ha le capacità tecniche per non utilizzare il transito ucraino anche senza l'uso del Nord Stream-2.

Sì, potrebbe sorgere un deficit - da qualche parte intorno a 5 miliardi di metri cubi. È proprio per chiuderlo che Gazprom sta ora fornendo carburante all'Europa in volumi record, al solo fine di evitare che i consumatori locali dubitino anche della minima ragione dell'affidabilità del nostro paese come fornitore di energia. La stessa Europa, a quanto pare, ha finalmente fatto i conti con il fatto che Mosca non asseconderà le ambizioni esorbitanti di Kiev e accetterà accordi inaccettabili. Tenere gli europei lontani dal congelamento? Prego! Ma non a scapito degli interessi strategici del nostro Paese e non per la gioia dell'Ucraina. Va detto che in questo caso a Kiev hanno fortemente sopravvalutato i “sentimenti amichevoli” e le simpatie presumibilmente alimentate nell'Ue in relazione al “inesistente” e molto sottovalutato il pragmatismo locale. Di fronte alla posizione incrollabile della Russia, gli europei, infatti, si sono trovati di fronte a una scelta: restare senza gas, sostenere l'Ucraina fino alla fine, o sputare sulla sua "Lista dei desideri", per assistere al caldo nelle proprie case. La decisione che ne risulta è più che ovvia.

La riconciliazione è impossibile?


In linea di principio, Mosca e Kiev potrebbero concordare di mantenere il transito. Il nostro paese ha già dichiarato di essere pronto non solo a continuare la cooperazione, ma anche a fornire energia diretta all'Ucraina, e persino a fare uno sconto del 25% sul "carburante blu". Tuttavia, tutte queste proposte più che generose vengono ridotte in mille pezzi dall'ostinata riluttanza della parte ucraina a condurre un dialogo sul piano delle realtà esistenti, e non dei suoi oltraggiosi appetiti. Kiev genera ed esprime (di regola, per bocca del direttore esecutivo di Naftogaz Yuriy Vitrenko) idee, una più assurda e inaccettabile dell'altra. Sono proposte per continuare a lavorare secondo alcune "regole europee" e come vengono viste in Ucraina. E la percezione del concetto di "europeo" ci è più che peculiare ... Poi le proposte "per concludere accordi di scambio", pensate, ovviamente, per chi non capisce nemmeno le basi dell'economia ... Poi qualcos'altro, altrettanto stravagante e indigesto.

Che tipo di "condizioni europee" di cooperazione con "non ferroviarie" si può discutere, visto che lì non si osserva il principio fondamentale del cosiddetto "terzo pacchetto energetico dell'UE", secondo cui il paese non può essere nelle stesse mani per la produzione e il trasporto del gas e vendita. Senza la procedura andbalding - la divisione delle sue rispettive divisioni "secondo gli interessi" e la creazione di società indipendenti sulla base di queste, NJSC "Naftogaz" non ha nemmeno il diritto di balbettare su qualcosa del genere. A Kiev, tuttavia, se ne parla solo a vuoto. Presentando sempre più "opzioni alternative" per continuare il transito e salvare il proprio sistema di trasporto del gas, rifiutano categoricamente anche di discutere la condizione principale di "Gazprom": il rifiuto di affermazioni inverosimili, che hanno portato a cause multimilionarie, le cui decisioni sono considerate ingiuste, "discriminatorie" in se stesso politico sfondo. Di conseguenza, la parte russa non li adempirà.

E in generale - come e cosa si può negoziare con lo "stato" nel processo della "guerra del gas" iniziata con il nostro Paese, di fatto, eseguendo i comandi provenienti da Washington, anche se a scapito degli interessi nazionali. Dopotutto, la cosa principale in tutta l'attività vigorosa che i rappresentanti di Kiev stanno sviluppando in questa direzione non è tanto la conservazione del proprio transito, quanto il massimo ostacolo alla costruzione del gasdotto Nord Stream-2. Allo stesso tempo, gli Stati Uniti perseguono naturalmente i propri obiettivi: cacciare la Russia dal mercato europeo del gas e il suo successivo sequestro completo e monopolistico. L'Ucraina, d'altra parte, si trascina obbedientemente nella coda della politica economica egoista e aggressiva degli Stati Uniti, più lontano, più si interrompe ogni percorso verso una normale soluzione del problema.

Contrariamente a quelli europei, i depositi sotterranei "nezalezhnoy" sono riempiti oggi al 40%. Prima dell'inizio della stagione di riscaldamento, è necessario pompare lì almeno 3 miliardi di metri cubi di gas. Inoltre, se Kiev viene scollegata dal "tubo" russo, per mantenerlo funzionante, sarà necessario pompare altri 4 miliardi di metri cubi di gas nel GTS ucraino. Ma è improbabile che ciò accada. Oggi, il flusso di "carburante blu" negli impianti di stoccaggio ucraini viene effettuato per un importo di circa 50 milioni di metri cubi al giorno - con il volume richiesto di 200 milioni di metri cubi al giorno. Il motivo è semplice e banale: la mancanza di denaro per gli acquisti, che lo stesso Kobolev ha ammesso pubblicamente. Non ci sono letteralmente soldi, non importa cosa! L'operatore del sistema di trasporto del gas del paese, la società Ukrtransgaz, ha ufficialmente dichiarato la sua incapacità di pagare i contratti di fornitura di carburante conclusi. I suoi volumi, acquistati in precedenza, saranno sufficienti a soddisfare “la nostra produzione e le nostre esigenze tecniche”, cioè a mantenere in ordine il GTS, letteralmente fino al 24 giugno. Siamo arrivati ​​...

Durante una recente visita a Mosca, il vicepresidente della Commissione europea Maros Shefchovic, in mezzo a vari incontri con alti funzionari russi, ha tenuto colloqui con il ministro dell'Energia russo Alexander Novak. A giudicare dalla velocità con cui oggi il gas russo viene fornito all'Europa, hanno concordato tutto nel modo più eccellente. Nessuno congelerà l'Ucraina nell'inverno del 2020, di sicuro la "no profit" dovrà farlo in uno splendido isolamento.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
8 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. lavoratore dell'acciaio 19 June 2019 12: 24
    +5
    Con noi, come sempre. Non ci sono più problemi tranne l'Ucraina. Sto ancora aspettando che Gazprom ricordi la sua gente come ucraini. Forse almeno non aumenterei i prezzi del gas fino al 2024!
    1. piccola vite Офлайн piccola vite
      piccola vite (Gennady) 19 June 2019 20: 01
      +1
      Mikhalych pensa tutto alle persone. O forse è meglio prendere una calcolatrice e calcolare cosa e come, tenendo conto delle nostre distanze e condizioni meteorologiche? Dove stai chiedendo? In Siberia, le auto stanno lentamente passando al gas: i conducenti, persone speciali, contano i loro soldi.
  2. Tolik_74 Офлайн Tolik_74
    Tolik_74 (Anatoly) 19 June 2019 16: 48
    0
    È interessante notare che se c'era un Pendo-Stan al posto della Russia, pompava anche gas in base a un contratto o lo fermava nel '14. Penso che il transito del gas attraverso la bandaria sia terminato anche prima delle elezioni.
    1. Pishenkov Офлайн Pishenkov
      Pishenkov (Alex) 19 June 2019 18: 39
      +2
      Il transito sarebbe continuato, avrebbero semplicemente pareggiato lì tutti i giorni per 3-4 bombardamenti umanitari, e basta. Ci sarebbero silenzio, ordine e democrazia, ovviamente ... come vogliono. È vero, al posto dell'Ucraina, ci sarebbero diversi acne incapaci sulla mappa, come l'ex Jugoslavia ... E allora? sono più facili da gestire. Né un esercito forte né un'economia, quello che ha detto l'anziano, lo hanno fatto ...
  3. piccola vite Офлайн piccola vite
    piccola vite (Gennady) 19 June 2019 17: 34
    +2
    E quando il clamore liberale divampò nei sacri anni Novanta, sulla stampa si parlò di una sorta di trading floor del 4%, su cui operano tutti gli stati petroliferi. L'elefante americano non è stato considerato allora. E sembra che giri.
  4. Oleg RB Офлайн Oleg RB
    Oleg RB (Oleg) 19 June 2019 18: 26
    -3
    Necropic nel numero di lettere scrive sempre la metà in meno di fogli di Volkonsky - ha notato per molto tempo. Ma non il punto ...
    È stato a lungo necessario capire che la loro colonia di materie prime è stata a lungo esaurita. Qualche vero patriota della RUSSIA, barcolla uno sgabello favoloso sulla fronte e basta, fanculo eesushka - non ci sarà nessun omaggio.
  5. quasi Офлайн quasi
    quasi 19 June 2019 19: 22
    -3
    "Guerra del gas"

    Gli scoop hanno una strana "vista". Se non c'è guerra, ma il nemico è ovviamente debole, allora la inventeranno. E se c'è una guerra, ma il nemico è serio, faranno finta di non vederla.
  6. lavoratore dell'acciaio 19 June 2019 21: 27
    +3
    E qui sono apparsi commenti che, invece di discutere l'articolo o la sua aggiunta, passano ai singoli. Inoltre, inizia a inviare i saluti nei commenti l'un l'altro, come in VO!