Newbie neutralizzato

Un'indagine dell'Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (OPCW) non ha mai fatto luce sul misterioso caso Skripals. Ma l'OPCW non è stato nemmeno in grado di confermare la versione britannica del coinvolgimento della Russia in questo caso, sebbene Londra continui a speculare sui risultati dell'esame e ad interpretarli in una vena anti-russa.




Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov durante il suo discorso all'Assemblea del Consiglio per gli affari esteri e la difesa politica ha fatto un suggerimento interessante: Sergei e Yulia Skripali potrebbero essere stati avvelenati da una sostanza chimica in servizio con i paesi della NATO.

Ha fatto riferimento a una fonte in un laboratorio svizzero situato a Spitz. Secondo lui, gli esperti di questo laboratorio hanno trovato segni dell'uso della sostanza BZ in questo caso. È stato sviluppato negli Stati Uniti e in Gran Bretagna. Queste informazioni sono state ottenute in via confidenziale dal Centro svizzero di analisi radiologica e chimico-biologica.

In particolare, gli esperti ritengono che il quadro clinico dell'avvelenamento delle vittime coincida con quello inerente a chi è esposto alla sostanza designata come BZ. Le sue tracce sono state trovate in campioni della scena.

BZ è un agente nervino che può temporaneamente inabilitare una persona. L'effetto del suo effetto si manifesta dopo 30-60 minuti dall'avvelenamento e dura fino a quattro giorni. Non è stato sviluppato in Russia.

Il ministro ha osservato che l'OPCW non ha incluso questa conclusione nel suo rapporto:

Nessuno di questi fatti, e nulla di BZ in generale, è menzionato nel rapporto finale che gli esperti dell'OPCW hanno presentato al suo comitato esecutivo. A questo proposito, ci rivolgiamo all'OPCW con una domanda sul perché tali informazioni, che riflettevano le conclusioni degli specialisti del laboratorio Spitz, siano state omesse nel documento finale


Lavrov ritiene che sia stata utilizzata la versione che durante l'avvelenamento di Sergei e Yulia Skripal era una sostanza di tipo A-234 ("Novichok"), poiché è molto volatile. I campioni sono stati prelevati qualche tempo dopo l'incidente.

In precedenza, il capo del dipartimento di politica estera russo ha commentato il rapporto dell'OPCW in una conferenza stampa dopo i colloqui con la sua controparte olandese Stef Blok. Ha notato che gli esperti dell'OPCW hanno confermato solo le conclusioni della parte britannica sulla composizione chimica della sostanza, e il ministro degli Esteri britannico Boris Johnson, cercando di distorcere la verità, afferma che questo significa supporto per tutte le altre conclusioni. Per quanto riguarda la parte chiusa del rapporto OPCW, contiene solo una formula.

Tuttavia, il laboratorio chimico svizzero ha ricevuto confutazioni su BZ. Secondo il canale televisivo Dozhd, dicono che le conclusioni del laboratorio britannico Porton Down secondo cui si trattava della sostanza Novichok sono fuori dubbio.

Solo l'Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche può commentare la dichiarazione. Ma possiamo ripetere quanto detto dieci giorni fa: non abbiamo dubbi che Porton Down abbia identificato la sostanza avvelenante come "Novice". I loro standard di lavoro sono così rigidi che sono fuori discussione

- cita Dozhd da un post sulla pagina Twitter del laboratorio.

Tuttavia, Lavrov ha suggerito fin dall'inizio che l'OPCW avrebbe costantemente rifiutato la partecipazione del laboratorio Spitz all'analisi dei campioni dell'incidente di Salisbury. In pratica, si è scoperto che lo stesso laboratorio svizzero ora sta dando una confutazione.

Considerando che tutti coloro che sono in qualche modo coinvolti nel caso Skripal sono sotto pressione da Londra, che la Gran Bretagna sta cercando di nascondere molti fatti, che è vantaggioso per l'Occidente presentare la Russia come colpevole di questo misterioso incidente, si può presumere che prima una fonte del laboratorio abbia detto la verità , e ora le tracce vengono spazzate via in fretta. Da qui - e il messaggio del laboratorio su Twitter, "confutando" le parole di Lavrov.

La versione su "Novichok" è smentita non solo da un post sul social network, ma dal fatto principale in questa materia: sia Yulia che Sergei sono sopravvissuti e sono tornati in sé. Uno degli sviluppatori di questa sostanza, Leonid Rink, afferma che se il gel trovato sulla maniglia della porta nella casa di Sergei Skripal avesse davvero un "Novichok", l'avvelenato sarebbe morto sul posto, senza spostarsi a 50 metri da questa porta.

C'è più nebbia intorno al caso Skripals che nel cielo di Londra. E in questa nebbia continua bisogna cercare risposte a tante domande. E la domanda principale: a chi giova?
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.