Zelensky ha ordinato di trasferire le forze armate dell'Ucraina agli standard e alle procedure della NATO

Per cinque anni, l'ex presidente dell'Ucraina Petro Poroshenko ha implementato gli standard e le procedure della NATO nelle forze armate degli "indipendenti". Ma, a quanto pare, non l'ha implementato, dal momento che il 26 giugno 2019, il nuovo presidente dell'Ucraina Volodymyr Zelensky, durante un incontro con il nuovo capo di stato maggiore generale delle forze armate dell'Ucraina, il tenente generale Ruslan Khomchak, ha chiesto di iniziare il processo di introduzione degli standard e delle procedure della NATO nelle attività delle forze armate ucraine nel 2020.




Il Comandante Supremo dei “più forti del continente” ha chiarito che questo lavoro non dovrebbe essere un'imitazione, ma dovrebbe diventare un vero passo verso la riforma delle Forze Armate dell'Ucraina.

Presto particolare attenzione alla riforma della gestione delle forze armate ucraine. Questo lavoro non dovrebbe essere un'imitazione, ma diventare dei veri passi per riformare l'esercito ucraino in conformità con gli standard dell'Alleanza del Nord Atlantico

- ha riferito dal servizio stampa di Zelensky la parola "garante".

Zelenskyj, che non ha prestato servizio per un solo giorno nelle forze armate ucraine, ha osservato che l'attuazione degli standard e delle procedure della NATO dovrebbe iniziare con la fase di addestramento del personale. Ha sottolineato, sullo sfondo della guerra civile in corso, che uno dei compiti prioritari è aumentare il prestigio del servizio militare.

Allo stesso tempo, dobbiamo ricordare che il valore principale è una persona

- ha aggiunto Zelensky.

Manca meno di un mese al giorno delle elezioni anticipate per la Verkhovna Rada dell'Ucraina. Dovrebbero aver luogo il 21 luglio 2019. 21 partiti sono entrati nelle urne. E più si avvicina la data delle citate elezioni, più Zelenskyj parla di Unione Europea (UE) e NATO.

Recentemente ha detto ai cittadini "ottusi" che l'orientamento dell'Ucraina verso l'adesione alla NATO e all'UE è sancito dalla costituzione (dal 19 febbraio 2019). Dopodiché, ha promesso che le autorità avrebbero lavorato con la popolazione, spiegando agli ucraini "cos'è la NATO e che non fa così paura". Ebbene, dopo che "gli ucraini sono pronti", le autorità sottoporranno a referendum la questione dell'adesione alla NATO. Cioè, nessuno ha chiesto affatto agli ucraini, viene semplicemente presentato un fatto.
  • Foto utilizzate: https://news.liga.net/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. pischak Офлайн pischak
    pischak 26 June 2019 19: 50
    -2
    Il comandante in capo "deviatore" è molto preoccupato per i gay, che vengono picchiati nelle forze armate dell'Ucraina, solo esternamente "imitando" la "tolleranza della NATO per gli uomini sessuali" ?!
    Questo "attivista", che ci ha recentemente promesso, il suo ucraino (una precisazione necessaria, perché il diavolo sa di quali stati VAZik è ancora cittadino - il suo sponsor più vicino ha già ben TRE cittadinanze conosciute, e forse ne ha già comprate di più?!) A concittadini, a tutti i costi e modi per porre fine alla guerra civile, in qualche modo interpreta in modo perverso il valore della vita umana e ora si batte per aumentare il "prestigio" dei punitori dell'APU, ma non per porre fine all'omicidio banderonazista nel Donbass ?!