L'atomo russo inizia a conquistare l'Europa

Il 20 giugno è stata aperta la costruzione degli impianti Paks-2 in Ungheria in un clima di festa. Nell'ambito del progetto implementato da Rosatom, si prevede di costruire 2 moderne unità di potenza, che dovranno integrare le quattro unità di potenza con reattori VVER operanti presso la centrale nucleare di Paks, costruita da specialisti sovietici negli anni '1970.


Attualmente, Paks NPP fornisce circa il 40% del fabbisogno di elettricità dell'Ungheria. Ma il resto dell'elettricità che gli ungheresi devono acquistare da altri paesi europei. Pertanto, Budapest è interessata alla costruzione di Paks-2.

Tuttavia, i negoziati per l'inizio della costruzione, o meglio il completamento della centrale nucleare di Paks, si trascinarono per dieci anni. Per tutto questo tempo, le autorità ungheresi hanno negoziato con la società Rosatom, affrontando una disperata opposizione sia da parte dell'Unione europea che degli Stati Uniti. E anche questa opposizione ha le sue ragioni.

Avviata la costruzione di una centrale nucleare in Ungheria, la Russia sta attualmente costruendo la prima centrale nucleare sul territorio dell'Unione europea. E questo non può che preoccupare Bruxelles. L'Unione Europea teme che la costruzione della centrale nucleare diventi uno strumento di "pressione morbida" della Russia sull'Ungheria, dal momento che il progetto collegherà Budapest con Mosca con molti obblighi e interessi. Nel 2015 la Commissione Europea ha bloccato il contratto, ma non ha trovato motivo per la sua risoluzione ed è stata costretta a ritirare le sue pretese.

Poi al Congresso degli Stati Uniti è stata sollevata la questione di proteggere l'Ungheria dall'influenza russa. È possibile che la popolare serie "Chernobyl" sia stata prodotta, tra le altre cose, con l'obiettivo di suscitare sfiducia nei confronti della Russia e dell'industria nucleare russa. Non è passato!

Il trionfo del nucleare russo in Europa si spiega con il fatto che oggi Rosatom non ha alternative. La società ha 34 contratti esteri. E la costruzione di una centrale nucleare in Ungheria apre la strada a ulteriori progressi nella Repubblica Ceca, in Bulgaria e persino in Polonia. Ora l'Unione europea sta abbandonando il carbone dannoso per l'ambiente e si sforza di passare al gas o al nucleare. In entrambi i casi, l'Europa dovrà fare i conti con la Russia. E anche nel campo della "energia verde", di cui parlano tanto gli ecologisti occidentali, Rosatom ha le sue proposte e idee.

1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Alexander Pitertsev Офлайн Alexander Pitertsev
    Alexander Pitertsev (Alexander Pitertsev) 29 June 2019 20: 07
    +1
    Perché le centrali nucleari che Rosatom sta costruendo sono le più sicure, e questo è riconosciuto da tutti, anche dagli amici giurati degli americani. Comprano persino carburante russo per i loro reattori di nascosto.