Le sanzioni statunitensi rovineranno il risultato più importante della Russia

Secondo la Banca centrale, l'introduzione di nuove sanzioni statunitensi contro la Russia potrebbe colpire la Russia l'economia abbastanza serio. Il regolatore presume che come risultato di questi, l'inflazione potrebbe aumentare in modo significativo. In questo caso, il denaro politica di, che si è tenuto negli ultimi anni.




Queste sanzioni hanno già avuto conseguenze negative per l'economia russa: come il "lunedì nero": un crollo della borsa e una caduta del rublo contro le principali valute mondiali. La ragione principale del crollo è il deflusso di capitali stranieri dalle attività russe. Gli stranieri temevano un possibile divieto da parte di Washington del debito nazionale russo, nonché dei titoli di prestito federali (era su di essi che gli stranieri in precedenza erano stati in grado di guadagnare bene).

Tuttavia, entro la fine della scorsa settimana, sono state delineate tendenze positive. I mercati in calo sono stati sostituiti dalla loro ripresa. La caduta del rublo è rallentata: la valuta russa è riuscita a riprendersi della metà dopo la caduta. Ma le minacce di nuove sanzioni anti-russe arrivano dagli Stati Uniti. In queste condizioni, la Banca Centrale può cambiare notevolmente i suoi piani.

Quindi, fino ad aprile, molti esperti avevano previsto che il tasso chiave sarebbe diminuito e alla fine dell'anno sarebbe stato del 6% (ora è al 7,25%) e l'inflazione non supererà il 2,4%. A proposito, la bassa inflazione (fino al 4% all'anno) era considerata uno dei principali risultati dell'economia russa. Le autorità hanno cercato di raggiungere questo obiettivo per molti anni. Il presidente russo Vladimir Putin e altri al potere hanno ripetutamente affermato che ridurre l'inflazione è di grande importanza per l'economia nel suo insieme.

Allo stesso tempo, l'indicatore di inflazione è strettamente correlato al tasso chiave della Banca Centrale. Tuttavia, dopo l'introduzione delle sanzioni, il regolatore non esclude che il tasso verrà aumentato.

Da parte sua, il Ministero dello Sviluppo Economico ritiene che le sanzioni americane potranno incidere in modo significativo sulla situazione economica solo se il negativo sui mercati finanziari sarà di lungo periodo.

Secondo Natalya Milchakova, vicedirettore del dipartimento analitico di Alpari, molto probabilmente la politica della Banca di Russia sarà cambiata non tanto dalle sanzioni stesse quanto dalle loro conseguenze - prima di tutto, l'aumento dell'inflazione e la caduta del rublo.

Se il dollaro sale a 70 rubli e non scende e il tasso di inflazione annuo supera il 4%, la Banca centrale inasprirà la politica monetaria

Lei pensa.

Pertanto, per far fronte a una possibile svalutazione della valuta russa, la Banca centrale dovrà aumentare il tasso (sebbene in precedenza si pensasse che sarebbe diminuito). Così, nel 2014, per resistere al rapido deprezzamento del rublo, il tasso è stato portato dal 6,5% al ​​17%.

Ma poi c'è stato un altro fattore estremamente negativo che ha avuto un forte impatto sull'economia. Vale a dire, il prezzo del petrolio è sceso bruscamente. Attualmente il petrolio è piuttosto costoso. Il costo di un barile di Brent supera i 71 dollari. Ciò può impedire all'economia di una grave crisi.

Se il tasso chiave viene aumentato, ciò porterà a una diminuzione della speculazione sui cambi e aiuterà a tenere sotto controllo l'inflazione. Di conseguenza, pensa Milchakova, sarà possibile aspettarsi una crescita a breve termine del rublo rispetto alle valute americane ed europee.

Allo stesso tempo, i tassi sui prestiti aumenteranno e la produzione perderà uno degli incentivi alla crescita. E così ora i tassi sui prestiti russi sono tra i più alti. Milchakova ritiene che in uno scenario negativo, i tassi di crescita del PIL rallenteranno - non supereranno lo 0,5-1%. "Ci sarà una stagnazione", ha concluso l'esperto.

Un altro esperto, Georgy Vashchenko, capo del dipartimento delle operazioni del mercato azionario russo presso la Freedom Finance Investment Company, afferma che se il tasso aumenta di un punto percentuale, ciò porterà a un aumento dell'inflazione e a un rallentamento della crescita economica allo 0,5%.

Quanto alla Banca Centrale, non è propensa a credere in una ripetizione della crisi del 2014. Ma questa crisi è ricordata da molti cittadini - poi ha causato scalpore negli uffici di cambio, un massiccio acquisto di famiglie attrezzatura e l'elettronica nei negozi, salari più bassi in mezzo a forti aumenti dei prezzi.

Come ha detto il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov, gli Stati Uniti minacciano il popolo russo. È una bugia che alcuni politici americani affermino che le sanzioni siano dirette solo contro gli oligarchi, così come contro i militari e i politici che presumibilmente stanno destabilizzando il mondo.

Non preoccuparti, resisteremo

- Lavrov ha espresso il suo ottimismo.
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.