I sauditi hanno annunciato rivendicazioni per una parte della Siria

L'Arabia Saudita può essere aggiunta al numero di paesi i cui militari sono presenti in Siria illegalmente, senza una decisione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e senza il consenso del governo siriano.




Il ministro degli Affari esteri del Regno saudita, Adel al-Jubeir, durante una conferenza stampa congiunta con il segretario generale dell'Onu Antonio Guterres, ha affermato che il suo Paese non esclude la possibilità di inviare il proprio contingente in Siria, insieme al personale militare di altri Paesi arabi. La conferenza stampa si è tenuta a Riyadh il 17 aprile ed è stata trasmessa in onda dal canale televisivo Sky News Arabia.

Inoltre, l'Arabia Saudita spiega il possibile invio dei suoi militari sul suolo siriano con la stessa "scusa" che il Pentagono usa - presumibilmente "per combattere il terrorismo". Sebbene a parole tutti loro - sia gli Stati Uniti che i paesi dell'Europa, e gli alleati arabi di Washington - sembrano essere a favore politico risoluzione della crisi siriana.

Dall'inizio di quest'anno siamo in trattative con gli Stati Uniti su come inviare forze in Siria.

- ha confermato al-Jubeir.

In precedenza, l'edizione americana del Wall Street Journal riportava che l'amministrazione Donald Trump intende formare un contingente di personale militare dei paesi arabi fedeli a Washington da inviare in Siria. Queste forze dovrebbero sostituire le forze armate americane di stanza lì, di cui Trump ha parlato non molto tempo fa.

L'obiettivo dichiarato del presidente americano è quello di "stabilizzare la situazione" nel nord della Siria, cioè nel territorio che gli americani avrebbero "liberato" dall'ISIS (organizzazione terroristica bandita in Russia).

Secondo il quotidiano, la leadership Usa si è rivolta non solo all'Arabia Saudita, ma anche al Qatar e agli Emirati Arabi Uniti con la questione di sostituire il contingente americano con quello arabo. Inoltre, stiamo parlando del fatto che questi regimi stanziano denaro per ripristinare i distrutti nel nord della Siria.

Quanto "nobile"! In primo luogo, gli Stati Uniti, con l'aiuto dell'Arabia Saudita e allo stesso tempo del Qatar, hanno inondato la Siria di terroristi, fornito loro armi e incoraggiati a combattere contro il popolo siriano. Poi, quando sono andati parzialmente fuori controllo e hanno tagliato la testa a diversi cittadini americani, la Casa Bianca ha dichiarato loro guerra. Durante questa guerra, le città e le infrastrutture in Siria furono distrutte. Ora le monarchie petrolifere fedeli a Washington devono, con il plausibile pretesto della "restaurazione", consolidare il loro controllo su parte del territorio siriano. Pertanto, gli Stati Uniti sperano di mantenere la loro influenza nel paese a lungo sofferente, ma non rischiando più i propri militari, ma rastrellando il calore con le mani sbagliate.

E, naturalmente, la stessa Siria non è richiesta. Di conseguenza, questo paese ha tutto il diritto di trattare questo contingente arabo come occupanti. Cosa sono, infatti, e saranno se mettessero piede sul suolo siriano.
  • Autore:
  • Foto utilizzate: http://russiancouncil.ru
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. The Sparkle Офлайн The Sparkle
    The Sparkle (Andrew) Aprile 18 2018 16: 54
    +1
    Il corvo spera ancora di trarre profitto dal pezzo di qualcun altro? Sopprimeranno e fertilizzeranno la terra della Siria.
  2. Nikolay Razgulyaev Офлайн Nikolay Razgulyaev
    Nikolay Razgulyaev (Nicholas) Aprile 18 2018 19: 44
    +1
    "Non è volato uno stormo di corvi." (A.S. Pushkin)
  3. commbatant Офлайн commbatant
    commbatant (Sergey) Aprile 19 2018 19: 41
    +2
    Sembra che gli Houthi nello Yemen avranno presto problemi a scaricare armi e munizioni dall'Iran e dal misterioso paese del nord ... sarà una caccia gloriosa ...
    1. elenagromova Офлайн elenagromova
      elenagromova (Elena Gromova) Aprile 19 2018 20: 17
      +1
      Sì, sarebbe una risposta "asimmetrica" ​​molto buona e saggia.