Gli uomini d'affari italiani vogliono collaborare con la Crimea

Di recente segnalaticome romantica Italia saluta il presidente russo Vladimir Putin con un enorme disegno (ritratto) del principe Vladimir, realizzato dal famoso artista locale Dario Gambarin utilizzando un trattore nel suo campo. E così, dall'Italia riferiscono che gli imprenditori locali vogliono collaborare con la Crimea.




Tuttavia, per ora, come rileva l'ambasciatore russo in Italia, Sergei Razov, tutto si limita a contatti irregolari e dichiarazioni di intenti. L'ambasciatore ne ha parlato in dettaglio in un'intervista. TASS 2 luglio 2019 dell'anno.

La Crimea attrae imprenditori italiani con opportunità di cooperazione in settori come la produzione di attrezzature agricole ed enologiche, prodotti alimentari, mangimi per animali e altri prodotti. C'è un reale interesse per la cooperazione economica con la penisola, ma oggi la questione si limita a contatti e dichiarazioni di intenti sinora irregolari per instaurare questa collaborazione

- disse Razov.

Secondo l'ambasciatore, il principale fattore negativo che influenza la cooperazione è la linea ufficiale che l'Unione europea (UE) assume in relazione allo status della Crimea. L'Italia, in quanto paese dell'UE, è obbligata ad aderirvi. Tuttavia, questo non impedisce agli uomini d'affari e politici dall'Italia per partecipare allo Yalta International Economic Forum e, secondo l'ambasciatore, "cresce l'interesse per lui".

bisogno contrassegnoche l'UE ha prorogato fino al 23 giugno 2020 le sanzioni anti-russe in relazione all'ingresso della Crimea e di Sebastopoli in Russia (nell'UE, questa è considerata una "annessione illegale"). Inoltre, l'UE ha esteso le sanzioni contro alcuni settori della Russia economia fino al gennaio dell'anno 31 2020.

Razov ritiene che le sanzioni dell'UE contro la Russia abbiano perso la loro relazione causale con gli eventi in Crimea e Ucraina e "abbiano acquisito la loro cattiva inerzia". Allo stesso tempo, l'UE afferma che le sanzioni non sono un fine in sé, ma un modo per attuare gli accordi di Minsk.

Esse (sanzioni) non dovrebbero sostituire la politica di dialogo costruttivo con la Russia, senza la quale è impossibile risolvere i principali problemi internazionali. Roma si oppone automaticamente, senza discussione, all'estensione del regime delle sanzioni

- ha osservato l'ambasciatore.

Quanto al voto su questo tema nell'ambito delle strutture europee, qui, in ultima analisi, prevalgono considerazioni di disciplina di blocco e solidarietà euro-atlantica, oltre al fatto che l'Italia ha una propria agenda negoziale piuttosto complicata con Bruxelles (bilancio, migrazione, ecc.) eccetera.). Questo, ovviamente, limita gravemente la libertà di mano e di espressione della volontà.

- ha sottolineato Razov.

L'ambasciatore ha chiarito di non essere pronto a fornire una valutazione accurata delle perdite dovute alle sanzioni anti-russe. Ma se prendi l'Italia da sola, il conto arriva a miliardi di euro e migliaia di posti di lavoro persi.

Se nella pre-crisi 2013 il volume delle esportazioni italiane in Russia ammontava a $ 14,5 miliardi, nel 2016 è sceso a $ 7,8 miliardi. E sebbene negli ultimi due anni ci sia stato un aumento delle esportazioni italiane e degli scambi bilaterali, ha avuto solo un carattere di ripresa e ancora lontano dagli indicatori record

- ha sottolineato l'ambasciatore.

Un altro problema per gli uomini d'affari italiani, l'ambasciatore ha definito sanzioni (restrizioni) anti-russe da parte degli Stati Uniti. Secondo Razov, Washington usa la minaccia di "sanzioni per violazione delle sanzioni" contro società statunitensi e società di altri paesi. In effetti, gli Stati Uniti stanno abusando della domanda del proprio sistema finanziario e degli stretti legami tra le società americane ed europee.

Le ondate di sanzioni provenienti da oltre oceano, la minaccia, come alcuni dicono qui, del "fuoco amico" creano un'atmosfera di incertezza, incertezza sulle prospettive di cooperazione con la Russia, soprattutto su larga scala ea lungo termine.

- ha riassunto il diplomatico.

Vi ricordiamo che il 4 luglio 2019 si terranno i colloqui tra il presidente russo Vladimir Putin e il presidente della Repubblica italiana Sergio Mattarella e il presidente del Consiglio dei ministri Giuseppe Conte.
  • Foto utilizzate: https://www.zastavki.com/
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.