Ingannare tutti: gli Stati Uniti hanno giocato una grande partita contro il petrolio

Oggi volevo parlare del comportamento di Trump nell'arena internazionale, che è abbastanza comprensibile per gli addetti ai lavori e inspiegabile per gli altri. Quando spiego, molto di ciò che è stato finora attribuito al carattere sfrenato dell'imprevedibile e volubile cowboy della Casa Bianca diventerà chiaro. Trump non è un idiota, credetemi, non è affatto un idiota, e agisce nell'interesse dell'America, e nei cui interessi dovrebbe agire, non della Russia, è il direttore dell'America, da qui la danza.




La guerra come modo universale per risolvere tutti i problemi


Nessuno voleva la guerra, la guerra era inevitabile. Guardando il restringimento dell'anello di tensione intorno all'Iran, a tutte queste innumerevoli provocazioni con petroliere fatte saltare in aria o presumibilmente fatte saltare in aria, prima nel Golfo di Oman al largo delle coste degli Emirati Arabi Uniti, poi nello Stretto di Hormuz, già al largo delle coste dell'Iran si; sul drone da ricognizione americano RQ-18 Global Hawk, del valore di 4 milioni di dollari e un'apertura alare di 160 m, abbattuto a quota 40mila metri, nonché il velivolo da ricognizione Boeing P- US Air Force in volo accanto ad esso, che non è stato abbattuto, ma è possibile che venga abbattuto 8 Poseidon già con un equipaggio di 35 persone a bordo; e anche tenendo conto dell'aumento del contingente delle forze armate statunitensi in Medio Oriente nell'area di responsabilità del Comando Centrale (CENTCOM) da parte di altre 1500 persone, tra cui i bombardieri strategici B-52H Stratofortress giunti al base aerea in Qatar con personale di servizio e ulteriore schieramento ai confini con l'Iran un battaglione del sistema missilistico antiaereo Patriot, in grado di abbattere missili balistici e da crociera; così come assistere al rafforzamento del raggruppamento navale statunitense nel Golfo Persico, quando il gruppo di scorta della portaerei USS Abraham Lincoln, che contava sette navi, composto dall'incrociatore missilistico USS Leyte Gulf, 3 cacciatorpediniere - USS Bainbridge, USS Mason e USS Nitze, fregata spagnola Mendez Nunez e 2 sottomarini da attacco nucleare con Tomahawk a bordo, altri due cacciatorpediniere missilistici - USS McFaul e USS Gonzalez, che trasportano 56 Tomahawk ciascuno, e la nave comando di sbarco USS Arlington, progettata per fornire ulteriori capacità di controllo alle truppe, arrivi alla scomoda conclusione che tutto questo non è per niente.

Sembra che gli Stati si stiano preparando per un'altra guerra nella regione. Oppure lo spaventano. E vista la natura squilibrata dell'attuale abitante della Casa Bianca, da cui ci si può aspettare di tutto, si comincia involontariamente a guardarsi intorno. C'è un'altra guerra del Golfo in arrivo? Dopo tutto, ogni presidente repubblicano aveva la sua guerra. Perché il nostro cowboy è peggio? L'attuale sovrano dei rabbiosi Tomahawk con il suo comportamento inappropriato e imprevedibile sull'arena internazionale, ricorda sempre più il comportamento di un elefante in un negozio di porcellane, piuttosto che politica, responsabile delle sue azioni e delle relative conseguenze, ci ha insegnato che da lui ci si può aspettare tutto. Questo è un grosso errore. Altro che guerra. Credimi, Trump non è affatto un suicida, e non bisogna confondere una vera guerra con la sua minaccia, perché, come si dice a Odessa, ci sono due grandi differenze. E Trump, portando truppe in Medio Oriente e creando tensione lì, sta risolvendo problemi completamente diversi lì.

Quali - è diventato chiaro dopo che DRG non identificati hanno minato diversi oleodotti in Siria e uno in Arabia Saudita. Sembrerebbe, dov'è la Siria, dov'è il KSA (Regno dell'Arabia Saudita) e dov'è l'Iran, e cosa c'entra il petrolio? Ma si scopre con tutto. Parliamo di questo ...

Club privato di incantatori "oro nero"


Quando il 12 giugno di quest'anno, per la prima volta da gennaio 2019, il prezzo del greggio Brent è sceso sotto i 60 dollari al barile, lo Studio Ovale ha capito che bisognava fare qualcosa. Il calo è iniziato alla fine di maggio, quando in tre giorni - dal 29 al 31 maggio le quotazioni sono scese di oltre l'11% - da 70 a 61,7 dollari / bar. Allo stesso tempo, il petrolio greggio WTI nordamericano veniva scambiato ancora più in basso, circa $ 52,5 al barile. Poi è stato causato dal rilascio dei dati dell'Energy Information Administration (EIA), che ha annunciato le riserve di petrolio e prodotti petroliferi negli Stati Uniti. A fine maggio le riserve di petrolio sono aumentate di 4,7 milioni di barili, mentre secondo le previsioni si prevedeva un calo di 800mila barili. Secondo gli stessi dati EIA, è emerso che a maggio gli Stati Uniti hanno rinnovato il loro record di produzione di petrolio, fissandolo a circa 12,3 milioni di barili al giorno, che era 1,5 milioni di barili in più di un anno fa. Allo stesso tempo, nessuno è rimasto sorpreso dal fatto che gli Stati Uniti abbiano mantenuto il primo posto tra tutti i paesi produttori di petrolio in termini di produzione e status di esportatore netto (nel dicembre 1, per la prima volta dal 2018, il Gli Stati Uniti hanno iniziato ad esportare più petrolio di quanto importato e da allora questa cifra è cresciuta, raggiungendo i 1973 milioni di bar / giorno a maggio).

Sembrerebbe, vivi e sii felice. Le scorte di petrolio e le esportazioni stanno crescendo, i prezzi sono in calo, il che incide direttamente sul costo di un gallone di benzina per tutti i consumatori americani di esso, e, quindi, per l'intero economia... Cosa potrebbe volere di più Trump? Tuttavia, il che è positivo per l'intera economia statunitense, si è rivelato negativo per i produttori di petrolio. Sono interessati solo ai prezzi elevati del petrolio, poiché il costo della sua produzione nei campi di scisto varia da $ 30 a $ 55-60, a seconda del campo. E la salute dell'intera economia americana dipende direttamente dalla salute dei rivoluzionari dello shale. Questo Trump è stato rapidamente troncato, a differenza del suo predecessore, che ci ha chiamato una stazione di servizio in Europa. Ora il nuovo proprietario dello Studio Ovale sogna di prendere il nostro posto, strappando la sua quota di mercato a noi e ad altri esportatori di petrolio. E per questo, tutti i metodi sono buoni. Nonostante Trump abbia tutte le carte vincenti nelle sue mani.

Ce ne sono solo quattro, ma sono mortali. Fino ad ora, i prezzi del petrolio sono stati dettati dal circolo chiuso dei paesi OPEC + esportatori di petrolio (si tratta di 14 paesi OPEC con altri 10 paesi che si sono uniti a loro che non ne fanno parte, compresa la Federazione Russa). Che, girando o svitando il "rubinetto" fino ad ora, ha regolato i prezzi del petrolio al rialzo o al ribasso (molto petrolio - il prezzo scende, un po '- cresce). Ora questo "rubinetto" è nelle mani degli Stati Uniti, dove il NOPEC Institute (No Oil Producing and Exporting Cartels Act - apprezzate l'umorismo dei membri del Congresso americano, un nome ne vale la pena!) È già stato creato e sta subendo l'ultima approvazioni del Congresso, che perseguiranno legalmente l'OPEC per collusione con i cartelli. La cospirazione del cartello è molto brutta! Dal punto di vista della legge americana, in termini di severità, è equiparata all'evasione fiscale. E questo è il peggior crimine economico americano. Per lui, e l'esecuzione in alcuni stati può essere saldata. Dopo l'adozione da parte del Congresso della legislazione anti-cartello per l'OPEC, inizieranno tempi bui.

Ma per ora, Trump ha abbastanza degli altri tre strumenti per influenzare il volume e il prezzo del petrolio prodotto. La prima tra queste sono le sanzioni, con l'aiuto delle quali l'amministrazione statunitense può rimuovere arbitrariamente dal mercato volumi significativi di petrolio. Come ne ha approfittato, possiamo già vedere l'esempio di Iran e Venezuela. Il secondo e probabilmente il più importante di questi è lo strumento della Fed. Il punto è che il mercato petrolifero globale è stato a lungo irrimediabilmente speculativo. Più dell'80% di tutte le transazioni nel mondo, infatti, sono transazioni cartacee, dove non c'è il petrolio in quanto tale. Il volume di queste transazioni, a sua volta, dipende dalla quantità di dollari sul mercato al momento. Il beneficiario e il regolatore di tutta questa storia è la Federal Reserve statunitense. Cosa ha fatto la Fed ultimamente? Aumentando il tasso di sconto, ha rimosso la liquidità in eccesso dal mercato. Di conseguenza, il denaro ha lasciato il principale mercato speculativo mondiale - dal mercato petrolifero ad altri siti, compresi i titoli americani e il dollaro stesso, perché diventa più redditizio (minore è la liquidità, più forte è il dollaro). Non chiaro? Lascia che ti spieghi ora. Cosa succede quando il tasso di sconto aumenta? C'è meno denaro in libera circolazione (perché i prestiti diventano più costosi). Cosa succede in questo caso? I prezzi del petrolio stanno scendendo perché gli speculatori in borsa, i proprietari dei futures sul petrolio, li scaricano a buon mercato su un trend al ribasso, fissando almeno un profitto. E questo processo è come una valanga. Ma tu ed io sappiamo chi ha causato questa valanga?

Oserei dire che l'attuale calo del prezzo del petrolio è stato associato a fondi di investimento speculativi gestiti dagli Stati Uniti (circa il 98% di tutti i contratti scambiati sulle borse delle materie prime sono formati tra strutture americane o filoamericane), che ha abbassato la domanda di future sul petrolio ("subacqueo ribassista"). Quando non c'è domanda, il prezzo scende. Allo stesso tempo, non escludo che tutti questi giochi in borsa siano il risultato delle attività dei nemici di Trump, l'elite finanziaria liberale degli Stati Uniti, strettamente collegata alle multinazionali (globalisti, "Rockefeller" condizionali), che in realtà non si preoccupano degli States, pregano divinità completamente diverse, non avendo un riferimento nazionale. Pertanto, senza esitazione, risparmiano i loro soldi, fissando i profitti, uscendo dai futures sul petrolio, su un trend al ribasso, che fa crollare ulteriormente le quotazioni. Se la mia ipotesi è corretta, allora la risposta di Trump all'intensificarsi dell'attività militare statunitense nella regione ricca di petrolio del Medio Oriente è dovuta proprio a questo nella speranza di una "inversione rialzista". E giuro su mia madre: raggiungerà il suo obiettivo, i prezzi saliranno. Di solito un tweet era sufficiente per questo, ma qui un intero squadrone sta navigando verso la regione (ma ne parleremo più avanti).

L'OPEC +, senza aspettare questo, visto cosa sta succedendo, per fermare il calo dei prezzi, avvia le consultazioni sulla necessità di prolungare l'attuale taglio alla produzione, che scade proprio a giugno di quest'anno. La decisione non è stata ancora presa, ma lo sappiamo già. È stato lo stesso Putin a far trapelare la notizia quando, nella sua conferenza stampa dopo il vertice del G20 a Osaka, ha detto di aver concordato con il principe ereditario dell'Arabia Saudita, Mohammed bin Salman Al Saud, di estendere l'accordo OPEC + per almeno un altro 6-9 mesi. Questa decisione sarà presa l'1-2 luglio alla prossima riunione dell'OPEC + a Vienna. Nessuno dubita che sarà positivo. Chi ne trarrà vantaggio? Proprio così, gli Stati Uniti d'America, che compenseranno i volumi scomparendo dal mercato con il suo petrolio. Non fanno parte dell'OPEC +, non sono soggetti a restrizioni. Profumatamente? Quelli. in primo luogo, essi stessi hanno provocato un calo del prezzo del petrolio accendendo lo strumento della Fed, e poi, ricattando questo fatto, hanno costretto l'OPEC + a tagliare la produzione, in modo che in seguito loro stessi avrebbero preso il posto vacante nel mercato. Bella festa!

Ma i produttori di scisto non possono aspettare, il processo di recupero dei prezzi ha una bassa volatilità e quindi un terzo strumento, il più affidabile, appare nella manica di Trump per accelerare il processo. L'ultimo, per così dire, argomento dei re è un club militare. E nella tana degli sceicchi del petrolio e degli shah persiani compaiono all'improvviso cacciatorpediniere e sottomarini americani con a bordo Tomahawk, che possono intasare lo stretto collo dello stretto di Hormuz e privare non solo i paesi del Golfo dell'opportunità di vendere il loro petrolio, ma anche il possibilità di acquistarlo per il suo principale concorrente commerciale Cina (il fatto che anche India, Corea, Giappone e UE ne soffrano sono le loro personali difficoltà sessuali, Trump è il direttore dell'America e la testa fa male solo a lei!). Di conseguenza, Trump ha battuto tutti con un colpo. E chi dirà dopo che non è ben fatto ?!

A proposito, non mi fiderei così incondizionatamente dei dati dell'Energy Information Administration (EIA), che ha annunciato riserve petrolifere record negli Stati Uniti per maggio, che ha innescato l'attuale calo dei prezzi del petrolio. Oserei dire che non c'è stato un eccesso di offerta sul mercato petrolifero, non c'è e non potrebbe esserci (chi ha verificato davvero la disponibilità di petrolio negli impianti di stoccaggio americani?). Il calo del prezzo del petrolio non ha nulla a che fare con l'equilibrio tra domanda e offerta, così come non è avvenuto nel 2015. Tutto questo è falso. Chiamalo gioco degli stakeholder, ma non bilanciare domanda e offerta qui. La variazione dei prezzi del petrolio non è affatto una storia di mercato. Il prezzo delle materie prime è determinato non dal volume della domanda e dell'offerta, ma dalla quantità di denaro che circola nel mercato dei futures, cioè nei mercati speculativi (ne ho parlato sopra).

Statistiche indifferenti mostrano che negli ultimi quattro anni la domanda di petrolio nel mondo è cresciuta del 7% e l'offerta solo del 5%. E il 95% di questo 5% è stato fornito da solo tre paesi. Indovina quali? Non indovinerai mai: questi sono gli Stati Uniti, l'Iraq e l'Iran. Per il semplice motivo che sono stati loro e la Libia e il Venezuela a non essere soggetti a quote e restrizioni assunte da OPEC e OPEC + dal 2016. Ma la Libia, a causa del degrado tecnologico e gestionale dell'industria petrolifera, non è mai riuscita a ripristinare il livello di produzione prebellico / pre-rivoluzionario (abbiamo infatti 1 milione di barili in meno). E il Venezuela è soggetto alle sanzioni statunitensi. Di conseguenza, solo negli ultimi sei mesi, l'intero limite di 1,2 milioni di bar / giorno imposto dall'OPEC + è stato scelto dagli Stati Uniti, che non sono inclusi nell'OPEC +, occupando la nicchia vacante. E così che nessuno li infastidisse, dichiararono guerra al regime di Maduro in Venezuela e includevano sanzioni complete contro l'Iran, vietando agli ultimi otto paesi per i quali erano state fatte eccezioni prima, di acquistare petrolio da lui. Quando la Cina e l'India non hanno obbedito, Trump ha iniziato a ritirare le truppe nella regione. E credimi, è in suo potere controllare personalmente le petroliere che attraversano lo Stretto di Hormuz verso l'Asia e l'Europa. E nel prossimo futuro vedrai come questo avrà un effetto benefico sui prezzi del petrolio.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 4 luglio 2019 16: 02
    +1
    -Grande ...- Rispetto a te., Signor autore ...
    Personalmente, nell'argomento "Poplavsky ha annunciato la preparazione di un incontro tra Zelenskyj e Putin" il 21 giugno 2019, ho già menzionato questo .., vale a dire ..:

    Quando, entro l'autunno del 2019, il prezzo del petrolio salirà a 90 dollari al barile (o forse anche più alto) e sarà un "momento critico" per l'Ucraina "concludere un nuovo contratto per la fornitura di gas russo".

    -Ho già scritto sull'Iran, che porta così facilmente la Russia intorno al suo dito, così che poi ancora una volta "molto difficile da lanciare" ... Bene, e la Russia, come sempre compassionevole e compassionevole per qualsiasi "popolo straniero" (ma non il proprio russo) ... - non tutti possono decidere su alcune "azioni intelligibili" più o meno ...

    -Ma l'America oggi può neutralizzare molto facilmente l'India e la Cina (sì, si sono già neutralizzate da sole), e poi provare a giocare tutto il gioco fino alla fine ... -E lì, quando le carte cadranno ...- in qualsiasi caso, ci sono molte possibilità che ...
    -Ma cosa succederà in qualsiasi scenario della Russia è già chiaro adesso ...- poco utile ... -Non ne vale la pena se la Russia finalmente non mostra una politica sufficientemente dura e decisa sia nei confronti della Cina che nei confronti dell'India. ..
    -Sì, è vero ... -Tutta questa morbidezza russa porterà presto al fatto che presto la Russia sarà semplicemente espulsa dalla Siria e dal Medio Oriente. Est ...
    -E sostenendo l'Iran, la Russia sta facendo tutto questo con le proprie mani ... -Non è semplicemente comprensibile per la mente ... -spendere tali risorse spaziali, in modo che poi possa perdere tutto così e perdere tutto così mediocre ...
    1. Volkonsky Офлайн Volkonsky
      Volkonsky (Vladimir) 4 luglio 2019 23: 01
      +1
      Non hai idea di quanto sei deluso. Capirai dal prossimo articolo. Di nuovo colpisci il cielo con il dito.
  2. Vladimir_Voronov Офлайн Vladimir_Voronov
    Vladimir_Voronov (Vladimir) 4 luglio 2019 16: 33
    0
    Vladimir, grazie per l'articolo. Tutto questo è compreso non solo da te (ora lo siamo), ma cosa pensi che intraprenderanno o stiano già facendo gli altri stakeholder di questo mercato?
    1. Volkonsky Офлайн Volkonsky
      Volkonsky (Vladimir) 4 luglio 2019 19: 47
      +2
      Non è tutto così semplice lì. Questo articolo è solo la prima parte (l'ho diviso in due, perché a loro non piace leggere molti buckoff qui, ho una restrizione sui segni). Continua. E anche dopo tutto ciò non diventerà chiaro e comprensibile. Una cosa è chiara: è in corso un grande gioco geopolitico. Ci sono solo tre figure principali: Stati Uniti, Cina e Federazione Russa. Il resto delle pedine. Chi c'è dietro le figure, chi le controlla: se rispondi a te stesso a questa domanda, allora tutto andrà a posto. E ci sono persone dietro Trump, e anche dietro il PIL, e persino per Compagno. C. Ognuno di loro ha i propri gradi di libertà. Donald Ibrahimovic è il meno libero nelle sue azioni