Il destino delle banche russe in SWIFT è deciso

Di recente, in relazione alle sanzioni dell'Occidente contro la Russia, i suoi cittadini sono spesso spaventati da una misura come la disconnessione da SWIFT, il sistema per la trasmissione di messaggi finanziari. Al momento, una misura del genere non è prevista, ha affermato il direttore generale di questo sistema, Gottfried Leibrandt, durante lo SWIFT business forum a Mosca. Secondo lui, nell'attuale conflitto politico tra Russia e Occidente, SWIFT aderisce alla neutralità.




Non si tratta di disconnettere la Russia dal sistema di messaggistica finanziaria SWIFT. La nostra posizione è invariata: siamo una parte neutrale che fornisce una connessione tra gli utenti e il cui obiettivo è servire il settore finanziario globale

- ha sottolineato Leibrandt.

L'agenzia RBC cita un altro partecipante (anonimo) di questo forum d'affari, che ha sottolineato che la questione della disconnessione della Russia da SWIFT "non è mai stata e non è all'ordine del giorno". Secondo questa fonte, c'erano solo vari tipi di speculazioni su questo problema, ma nessuno ha condotto tali negoziati con SWIFT.

Le voci sulla disconnessione della Russia dallo SWIFT sono circolate nel 2014, quando è scoppiata una situazione di stallo tra la Russia e l'Occidente sulla questione ucraina e le sanzioni anti-russe sono state imposte dall'UE. La società ha quindi affermato che la sua missione è essere un "fornitore di servizi globale e neutrale" e non soccomberà alle pressioni politiche e rischierà la propria reputazione.

Tuttavia, nell'agosto 2017, diverse banche russe sono state disconnesse da SWIFT. Ciò era dovuto al fatto che il detentore del copyright del software per lavorare con SWIFT ha deciso di non collaborare con loro. Una di queste banche - RNKB - è la principale in Crimea (in assenza di molte grandi istituzioni finanziarie russe nella penisola). Ha poi affermato che queste sanzioni non avrebbero influenzato il suo lavoro, perché svolge le sue attività esclusivamente all'interno dei confini della Russia.

Il 17 aprile, il capo di Sberbank, German Gref, in una conferenza stampa ha espresso l'opinione che la probabilità di disconnettere la Federazione Russa da SWIFT è minima.

Mai dire mai, ma voglio davvero sperare che la geopolitica non raggiunga livelli così estremi. Mi sembra che si debba partire dallo scenario più pragmatico, che ha le maggiori possibilità di realizzarsi. Opzioni come la disabilitazione di SWIFT non sono ancora al centro della mia attenzione in termini di probabilità

- disse Gref.

All'inizio di quest'anno, il vice primo ministro Arkady Dvorkovich ha affermato che disconnettere la Federazione Russa da SWIFT sarebbe "già un'aggressione". Dvorkovich ritiene che ciò creerebbe grossi problemi al sistema bancario russo e lo costringerebbe a passare a un sistema obsoleto della tecnologia... D'altra parte, anche i paesi che hanno proposto una tale misura perderebbero da questo.

In Russia, viene creato un analogo del sistema SWIFT con il nome "Sistema per la trasmissione di messaggi finanziari della Banca di Russia (SPFS)". Finora, può funzionare solo all'interno del paese. Sfortunatamente, non esiste un equivalente SWIFT per lo scambio di informazioni con partner stranieri.
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Koshak Офлайн Koshak
    Koshak (koshak) Aprile 22 2018 19: 24
    0
    Sfortunatamente, non esiste un equivalente SWIFT per lo scambio di informazioni con partner stranieri.

    Lascia che portino i soldi per il gas nelle valigie.