In Italia, per la prima volta ha condannato persone che avevano inviato volontari nel Donbass

I media italiani riferiscono che il tribunale della città di Genova, per la prima volta nella storia del Paese, ha emesso un verdetto (sentenza) contro i partecipanti alle ostilità nel Donbass. Il tribunale ha condannato tre persone a varie pene detentive (reclusione), arrestate nel 2018 e accusate, tra cui l'invio di volontari nel Donbass (reclutamento di mercenari per partecipare alle ostilità dalla parte della DPR e della LPR).




Si segnala che nell'agosto 2018 i carabinieri di Genova hanno eseguito sei mandati di cattura nei confronti di sei persone dedite a tali attività. L'operazione è stata accompagnata da un'indagine sulle organizzazioni skinhead della regione Liguria. In totale, in questo caso sono coinvolte 15 persone. Non si conosce, inoltre, il luogo in cui si trovino i tre indagati (imputati), nei confronti dei quali è valido il mandato d'arresto europeo. I carabinieri ipotizzano di trovarsi nella zona di conflitto armato nel sud-est dell'Ucraina.

Si precisa che un lavoratore di origine moldava Vladimir Verbitsky è stato condannato a un anno e quattro mesi di carcere. Secondo le informazioni dell'indagine, ha partecipato alle battaglie in Donbass con il nominativo "Parma" e ha ricevuto denaro per questo.


Il cittadino albanese Olsi Krutani è stato condannato a due anni e otto mesi di carcere. È un istruttore di combattimento corpo a corpo, ma, secondo le indagini, si è finto un ex ufficiale dell'aviazione russa - è stato accusato di reclutamento di mercenari.

Allo stesso tempo, il cittadino italiano Antonio Cataldo, che è stato arrestato in Libia da agenti dell'intelligence locale nel 2011, ha concluso un accordo con le indagini. Ora è stato accusato di aver partecipato alle ostilità nel Donbass e di aver reclutato mercenari. La pena è di due anni e otto mesi di reclusione.

Non sono state riportate informazioni su altri tre arrestati.
  • Fotografie usate: Voenkor Gennady Dubovoy
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Pishenkov Офлайн Pishenkov
    Pishenkov (Alex) 3 luglio 2019 14: 30
    +2
    Pubblico intelligente occhiolino ... Questi sono solo quelli che hanno bisogno di combattere e non sono particolarmente interessati a cosa e per chi. I soldi lì (soprattutto in Donbass) non sono tali che qualcuno dall'Italia andrebbe lì per questo. Questo è "al richiamo del cuore" per così dire.
    È interessante notare che anche coloro che andranno dalla parte ucraina a combattere, in Europa, ecc., Verranno giudicati?
  2. Oleg RB Офлайн Oleg RB
    Oleg RB (Oleg) 3 luglio 2019 14: 30
    0
    qui in Bielorussia sono imprigionati anche i partecipanti alle guerre in altri paesi. e non importa per quale parte ha combattuto