"Guerra di modifiche": la lotta per la Crimea su Wikipedia continua

Dal 28 giugno al 29 giugno 2019, si è tenuto nella città giapponese di Osaka il 14 ° vertice del G20 (G-20), a cui hanno partecipato rappresentanti delle più grandi economie mondiali e invitati all'evento. E ora, i dettagli della seria lotta che si è svolta sul sito politicamente neutrale Wikipedia (un'enciclopedia Internet universale multilingue disponibile al pubblico con contenuti gratuiti) per la Crimea sono diventati noti, nei materiali dedicati al G-XNUMX.




Secondo l'edizione russa «Известия»Durante lo studio dei materiali sul G-20 in tutte le 72 lingue proposte del sito, la Crimea (inizialmente) è stata indicata sulle mappe o menzionata nei materiali come parte della Russia. Il territorio della penisola è stato dipinto di viola, come la Russia e gli altri partecipanti al vertice. L'Ucraina era e rimane grigia, in quanto Paese che non ha preso parte a questo evento internazionale. Sulla base di ciò, si è concluso che Wikipedia ha riconosciuto la Crimea come russa.

I rappresentanti di Wikipedia hanno dichiarato alla pubblicazione che mappe simili con diverse designazioni della Crimea (russa o ucraina) appaiono periodicamente sul sito perché gli utenti possono modificare in modo indipendente gli articoli online a piacimento. Cioè, gli utenti hanno il diritto di farlo, poiché il contenuto dell'enciclopedia di Internet è gratuito e disponibile al pubblico.

In modo amichevole, il portale deve portare due carte. Questo è uno dei modi per risolvere la "guerra di modifica"

- ha detto il co-fondatore di "Wikimedia Ucraina" Yuriy Peroganich, sottolineando politico neutralità di Wikipedia.

A sua volta, il direttore di "Wikimedia RU" Vladimir Medeyko ritiene che la Crimea dovrebbe essere dipinta in un colore completamente diverso, come "un territorio con uno status speciale". Ha chiarito che simili "guerre di modifica" si verificano regolarmente con editori dal Giappone, che cambiano quasi quotidianamente l'identità delle Isole Curili su varie mappe su Wikipedia.

Ciò suggerisce che la "guerra di emendamenti" sulla proprietà della penisola è stata intrapresa dal marzo 2014, quando la Crimea e la città di Sebastopoli sono entrate a far parte della Russia a seguito di un referendum, e l'Ucraina, gli Stati Uniti e l'Unione europea non hanno riconosciuto la volontà degli abitanti della penisola.

Ad esempio, il deputato della Verkhovna Rada dell'Ucraina Yevhen Balitsky ha affermato che la Crimea viene spesso mostrata ai russi non solo su Wikipedia, ma in generale su molte mappe in diversi paesi. Ha spiegato un tale fenomeno con l'inazione delle autorità ucraine, dopo di che ha chiarito un punto estremamente importante che spiega molto:

Abbiamo tagliato l'acqua, l'elettricità, il traffico aereo - in effetti, ci siamo diretti verso il rifiuto della Crimea. Più passa il tempo, più perdiamo il nostro legame con la penisola.




Va ricordato che l'Occidente e l'Ucraina si rifiutano ancora di riconoscere la penisola russa, definendola "occupata". Allo stesso tempo, il referendum si è svolto nel pieno rispetto delle norme internazionali, quindi è legittimo e la "guerra degli emendamenti" non lo riguarderà.
  • Foto utilizzate: https://ru.depositphotos.com/
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sapsan136 Офлайн Sapsan136
    Sapsan136 (Sapsan136) 4 luglio 2019 10: 44
    +2
    Se è così, allora è tempo che la Russia ricordi al Giappone che Hokkaido appartiene alla Russia per decisione della Conferenza di Yalta, e per ricordare all'Ucraina che TUTTA l'Ucraina è sulla mappa del 1654, entro i confini dei quali l'Ucraina è arrivata in Russia dalla Polonia.