Erdogan ha accusato gli Stati Uniti: "Questa si chiama rapina"

Di recente segnalaticome il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha finalmente chiuso la questione con la fornitura di sistemi missilistici antiaerei russi a lungo raggio S-400. E così, il leader turco, durante una visita in Cina, ha detto ai giornalisti che Washington è impegnata in una vera rapina, rifiutando ad Ankara la fornitura degli ultimi caccia F-35A.




Se hai un cliente che ha pagato regolarmente i suoi pagamenti, come puoi non dare a quel cliente ciò che desidera? Questa si chiama rapina

- ha detto Erdogan.

Erdogan ha affermato che la Turchia ha già pagato circa 35 miliardi di dollari per i combattenti stealth F-1,4A Lightning II, come paese partner che partecipa al finanziamento di questo sviluppo su base di parità con un numero di altri paesi.

A proposito, ogni F-35 "invisibile" (di varie modifiche) ora costa circa 150 milioni di dollari e allo stesso tempo la Turchia ha ordinato 100 unità F-35A contemporaneamente. Ma ora questo contratto è in discussione. Inoltre, 2 unità di F-35A, trasferite per l'addestramento dei piloti nel 2018, ma in realtà non consegnate alla Turchia, sono anch'esse "appese".

Nell'estate del 2018, Lockheed Martin Corporation a Fort Worth, Texas, USA, ha tenuto due cerimonie di lancio e consegna di F-35A all'Aeronautica Militare turca. Il primo ha il numero di serie AT-01 (US Air Force numero 15-5219, Turkish Air Force numero 18-0001). Il secondo ha il numero di serie AT-02 (US Air Force numero 15-5220, Turkish Air Force numero 18-0002). Entrambi i caccia sono realizzati nella configurazione Block 3F e appartengono alla serie LRIP-10. Allo stesso tempo, è stato affermato che questi due caccia sarebbero comunque rimasti sul territorio degli Stati Uniti e sarebbero stati utilizzati nelle basi aeree per addestrare il personale di volo e tecnico dell'aeronautica militare turca.

Tuttavia, il 31 luglio 2019, terminano 42 ordini di viaggio per i piloti turchi che si stanno già addestrando negli Stati Uniti presso le basi aeree in Arizona e Florida. Sono stati semplicemente cancellati ei turchi, dal momento specificato, perderanno l'accesso a strutture, attrezzature e aeromobili, dopodiché saranno scortati fuori dagli Stati Uniti. E questo senza contare il fatto che prima di allora, gli Stati Uniti cinicamente hanno "rifiutato" un altro lotto di 34 militari turchi, che avrebbero dovuto iniziare l'addestramento nel 2019.
  • Foto utilizzate: https://politeka.net/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Igor Pavlovich (Igor Pavlovich) 4 luglio 2019 14: 05
    0
    non puoi sederti su 2 sedie ...
  2. Roos Офлайн Roos
    Roos 4 luglio 2019 14: 10
    +1
    Washington ha bisogno di vassalli, non di una Turchia sovrana e indipendente.
    Ankara ha bisogno di lasciare la NATO ed eliminare le basi militari statunitensi sul suo territorio per sbarazzarsi di bugiardi e ladri americani.
  3. Pishenkov Офлайн Pishenkov
    Pishenkov (Alex) 4 luglio 2019 14: 28
    +1
    Possiamo solo essere contenti di tutto questo trambusto ... continua così, NATO!