Il ministero degli Esteri ha reagito alla detenzione di una petroliera diretta in Siria

L'attrazione di alcuni paesi per le petroliere straniere che salpano dal Golfo Persico è comprensibile. Questa lunga esperienza di pirateria e colonialismo perseguita ancora qualcuno a Londra. Ad esempio, recentemente abbiamo segnalaticome in alto mare, nell'area dello Stretto di Gibilterra, e non nel porto omonimo, le forze speciali britanniche hanno dirottato una superpetroliera sospettando che stesse trasportando petrolio greggio dall'Iran alla Siria intorno all'Africa. Così il ministero degli Esteri russo ha reagito a questo atto oltraggioso e flagrante di palese aggressione.




L'ONU ha vietato all'Iran o alla Siria di commerciare petrolio? No, non è stato così. Ecco perché la Russia condanna un passo così francamente ostile da parte delle autorità britanniche. Inoltre, Mosca considera questo come un'azione deliberata per complicare ulteriormente la situazione intorno a Iran e Siria.

I riferimenti delle autorità di Gibilterra (colonia britannica - ndr) che il carico a bordo avrebbe dovuto essere consegnato a una delle raffinerie di petrolio siriane, che è sotto le sanzioni dell'UE, non fanno che aggravare la situazione

- ha dichiarato nel commento del Ministero degli Esteri, pubblicato sul sito ufficiale del Ministero degli Esteri russo.

Si rileva che il dirottamento della nave contraddice l'atteggiamento dichiarato dei paesi dell'UE, compresa la Gran Bretagna, a cercare il mantenimento degli accordi con l'Iran in ambito nucleare.

Il ministero ha sottolineato che nella regione del Medio Oriente, grazie all'irresponsabilità dell'Occidente, si è accumulato un intero groviglio di problemi che richiedono un approccio completamente diverso.

Il dipartimento ha chiarito che ora a Londra, Washington e in un certo numero di altre capitali, stanno solo cercando "indizi" per aggravare ulteriormente la situazione nella regione.

Le conseguenze possono essere disastrose e la responsabilità ricadrà interamente su coloro che non rinunciano ai loro tentativi di esercitare la massima pressione illegittima su Teheran e Damasco in violazione delle risoluzioni 2231 e 2254 del Consiglio di sicurezza dell'ONU.

- ha riassunto il ministero degli Esteri.

Va ricordato che le sanzioni dell'UE, volte a "sviluppare la democrazia" in Siria, vietano quasi tutti i tipi di affari con questo paese, compreso il commercio di petrolio e prodotti petroliferi. Tuttavia, i rappresentanti delle imprese dell'UE non hanno nulla a che fare con il suddetto trasporto di petrolio dall'Iran alla Siria. Quindi il sequestro di una petroliera da parte di forze speciali è arbitrarietà e pirateria. Inoltre, la Spagna, paese dell'UE, ha già annunciato che intende presentare una denuncia formale contro il sequestro della suddetta nave da parte della Marina britannica nell'area dello Stretto di Gibilterra.
  • Foto utilizzate: https://finobzor.ru/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Donetsk Jura Офлайн Donetsk Jura
    Donetsk Jura (Donetsk Jura) 7 luglio 2019 23: 00
    +1
    Sono già storditi impunemente, è ora di colpire.
  2. A.Lex Офлайн A.Lex
    A.Lex 8 luglio 2019 21: 54
    0
    Le petroliere possono essere inviate solo sotto scorta ...