L'ONU ha lanciato una nuova guerra

Il 23 aprile, numerose agenzie di stampa e media hanno riferito di una dichiarazione del segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres sul ritorno della guerra fredda, che ha rilasciato durante un'intervista al canale televisivo svedese SVT. Va notato che questa non è la prima dichiarazione del Segretario generale delle Nazioni Unite, che afferma l'inizio di una nuova guerra fredda; in precedenza aveva fatto una dichiarazione simile al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite il 13 aprile 2018, poche ore prima che Stati Uniti, Regno Unito e Francia lanciassero un attacco missilistico sulla Siria.




Antonio Guteris nota diverse differenze fondamentali tra la classica e la nuova guerra fredda. La Guerra Fredda è tornata con revanscismo, dice, ma se Stati Uniti e Unione Sovietica erano soliti controllare completamente i blocchi opposti, ora Stati Uniti e Russia non controllano gli attori coinvolti nei conflitti internazionali e sono stati distrutti anche i meccanismi che garantivano il dialogo tra le parti coinvolte nella precedente Guerra Fredda.

Il "Reporter" ha in precedenza tentato di fornire una previsione a breve e medio termine dell'andamento della crisi internazionale con la partecipazione di Stati Uniti, Gran Bretagna e Russia (vedi materiale "L'Occidente coprirà la Russia con una" tempesta geopolitica "). Allo stesso tempo, è ovvio che una previsione a lungo termine, così come la selezione di eventuali strategie di lavoro per la Russia è possibile solo se la situazione è inserita in un quadro più ampio dell'attuale conflitto tra Russia e Occidente, attualmente formato dalle sanzioni. politica Gli Stati Uniti, praticamente il riconoscimento ufficiale della Russia come stato canaglia, il riconoscimento ufficiale della Russia come "potenza revisionista", il caso Skripal avviato dalla Gran Bretagna e la crisi in Siria.

La cornice più appropriata per i partiti sembra essere il "ritorno", secondo Antonio Guterres, "guerra fredda". In effetti, sia gli statisti americani che quelli russi hanno ripetutamente affermato negli ultimi anni che le relazioni tra gli Stati Uniti e la Russia sono ora peggiori che durante la Guerra Fredda.

Sembra opportuno considerare un quadro più ampio rispetto alla "guerra fredda" proposta dall'élite politica delle parti in conflitto. Si tratta infatti dei rapporti competitivi delle maggiori potenze mondiali, e si è accumulato un grande bagaglio storico di fatti ed eventi vari, nel quale questi rapporti competitivi si sono rifratti per lungo tempo.

Per lo meno, è ragionevole considerare non solo il quadro della "guerra fredda classica", "nuova guerra fredda", ma anche i processi e gli eventi che hanno portato allo scoppio della prima guerra mondiale nel 1914 e nel 1939 - la seconda guerra mondiale.

La considerazione delle collisioni tra le principali potenze mondiali in una "cornice così ampia" ci consente di identificare alcuni modelli di sviluppo delle crisi in questi periodi, così come di notare perché le catene di sviluppo delle crisi a volte hanno portato, e talvolta non hanno portato alla perdita di controllo e scivolano nel disastro.

Lo scoppio della prima guerra mondiale sembra essere più il risultato delle attività di specialisti tecnici (militari e ingegneri) che di politici. Mentre i politici erano impegnati in esercizi nello stile del classico "equilibrio di potere", specialisti tecnici hanno costantemente e costantemente creato l'architettura del futuro conflitto globale, attraverso consultazioni e accordi tra lo stato maggiore, l'attuazione di misure nel quadro dell'attuazione di questi accordi (uno degli esempi è la costruzione accelerata ferrovie nelle regioni occidentali della Russia con l'aiuto del capitale francese), pianificazione militare, compresa la creazione di sistemi di mobilitazione efficaci ma non flessibili, piani operativi come il piano Schlieffen e l'introduzione accelerata di innovazioni tecniche come la rivoluzione dreadnought e la corsa dreadnought.

Allo stesso tempo, nella formazione dell'Intesa tripartita nel 1907, è difficile trovare una "traccia tedesca" anche al microscopio, poiché il riavvicinamento di Gran Bretagna, Francia e Russia, come sapete, fu il risultato dell'indebolimento delle posizioni dei futuri partner britannici nell'Intesa durante l'incidente anglo-francese di Fashoda del 1898 e Sconfitta militare russa in Estremo Oriente nel 1904-1905.

Né le crisi coloniali in Marocco, né le crisi nei Balcani, compreso l'assassinio di Sarajevo, individualmente o complessivamente, non hanno attirato un casus belli ragionevole e completo per i politici dell'Intesa e delle Potenze centrali. Tuttavia, secondo i piani e le previsioni degli specialisti tecnici, il 1914 sembrava l'ultima "finestra di opportunità" per Berlino e Vienna, dopo di che le previsioni strategiche per le potenze centrali si stavano rapidamente deteriorando.

Poiché i piani degli specialisti tecnici su entrambi i lati della futura collisione globale sembravano convincenti e c'erano idee sulle possibilità di raggiungere rapidamente, entro circa sei mesi, gli obiettivi, sembrava ragionevole che i politici concordassero con le loro proposte.

La scivolata verso la seconda guerra mondiale è stata esattamente lo scenario opposto. La reputazione dei tecnici nel disastro del 1914-1918 fu irreversibilmente offuscata, e quindi il ruolo principale spettava ai politici che nel 1933-1939 crearono l'architettura politica del conflitto imminente. Adolf Hitler, che salì al potere in Germania, non nascose mai la sua intenzione di rivedere i termini del Trattato di Versailles che umiliava la Germania, ed era convinto che la decisione finale potesse essere solo militare.

Nonostante una serie di revisioni non militari del sistema di Versailles, tra cui l'introduzione di truppe tedesche in Renania, l'Anschluss d'Austria, il trasferimento dei Sudeti alla Germania secondo gli accordi di Monaco, l'accordo navale anglo-tedesco, la decisione politica del governo britannico sull'inevitabilità di uno scontro militare con la Germania fu presa dopo che la Germania dichiarò un protettorato Boemia e Moravia, che a Londra erano viste come al di là degli accordi di Monaco.

Tecnicamente, la decisione politica di iniziare la seconda guerra mondiale dalla Gran Bretagna fu presa dal primo ministro Neville Chamberlain, fornendo garanzie alla Polonia nel 1939.

Ricordiamo che una decisione politica simile sull'inevitabilità di una guerra con l'Occidente per la revisione degli accordi di Versailles da parte della leadership tedesca è stata effettivamente presa dal momento in cui i nazionalsocialisti sono saliti al potere. Come sapete, i militari professionisti tedeschi al meglio delle loro capacità erano in opposizione a Hitler quando discutevano le questioni delle operazioni imminenti prima dell'inizio della seconda guerra mondiale.

La guerra fredda del 1946-1991 è stata notevolmente diversa nel design dalla preistoria dei due precedenti conflitti globali. I partecipanti alla Guerra Fredda molto rapidamente (Stati Uniti e paesi dell'Europa occidentale nel 1949, Unione Sovietica e paesi socialisti europei nel 1955) costruirono un tecnico architettura (militare) del conflitto imminente.

In effetti, dalla creazione della NATO nel 1949, il mondo è stato a un passo dallo scatenare un conflitto globale, e se la creazione dell'Organizzazione del Patto di Varsavia nel 1955 ha cambiato qualcosa in questa situazione, allora solo che la prospettiva di una guerra nucleare globale si è spostata di mezzo passo avanti. ...

Il ruolo decisivo nello spiegamento e nella successiva fine della Guerra Fredda è stato svolto dalla terza componente dell'architettura, quella ideologica. Il confronto ideologico tra il mondo libero ei paesi della comunità socialista paradossalmente ha dato prospettiva e costruttività alle strutture spaventose della Guerra Fredda, poiché le chiavi della vittoria nello scontro dovevano essere cercate non tanto nelle soluzioni militari, la cui natura catastrofica era intuitivamente riconosciuta da entrambe le parti, quanto nello spiegamento dei vantaggi di stili di vita concorrenti.

Avrei potuto vincere economico concorrenza, essendo il primo a mandare una persona nello spazio, atterrare sulla Luna, colonizzare Marte, costruire il comunismo entro il 1980, o espandere il numero dei loro clienti nel Terzo Mondo, o "propagare" la popolazione degli oppositori in modo che volontariamente, o più o meno volontariamente, accettino i valori di un altro lato, che, in effetti, è stato finalmente realizzato.

Quando si considerano i documenti fondamentali della Guerra Fredda, in particolare il discorso Fulton di Winston Churchill, il cosiddetto "lungo telegramma" di George Kennan, o, ad esempio, le sezioni corrispondenti delle decisioni dei congressi del PCUS, si rivela una certa somiglianza tra loro, poiché la scelta ideologica di ciascuna delle parti è stata interpretata, se possibile per così dire, "delusione coscienziosa", e lo smantellamento della corrispondente struttura ideologica significava automaticamente lo smantellamento del conflitto da essa generato.

Si noti che al momento attuale (definiamola condizionatamente come una "nuova guerra fredda"), il segno principale è il completo compromesso di strumenti sia militari, politici che ideologici. In effetti, ogni passo e risultato finale nella competizione delle principali potenze mondiali (1914-1918, 1939-1945, 1946-1991) confutava ogni successivo strumento di lavoro della concorrenza. Prima hanno polverizzato i militari, poi i politici, poi gli ideologi.

Si può discutere su quando è iniziata esattamente la "nuova guerra fredda", se nel 1998, come credeva George Kennan, commentando la politica allora discussa di espansione della NATO a est, o nel 2008, come suggerito in Occidente, quando si discuteva dell'operazione delle forze armate russe nel sud. Ossezia, sia nel 2014, quando si è qualificato il ritorno della Crimea in Russia, sia nel 2018, come sostiene il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guteris, parlando dello sviluppo della crisi intorno alla Siria. In ogni caso, le date citate segnano alcune fasi dello stesso processo.

In effetti, la "nuova guerra fredda" è una competizione tra le principali potenze mondiali in un mondo multipolare, ognuna delle quali agisce nell'ambito dei propri interessi nazionali. In un certo senso, queste sono "ragion d'État senza raison d'État" e "Realpolitik senza Realpolitik", poiché gli strumenti per risolvere le crisi multilaterali con l'equilibrio di potere sembrano essere stati irrimediabilmente persi durante lo sviluppo delle principali potenze mondiali.

Nella pratica dei metodi di Richelieu, Bismarck, Lloyd George, Roosevelt, Churchill e Stalin, molto probabilmente, si potrebbe trovare una soluzione per casi particolari come la sovranità russa sulla Crimea, la ricostruzione politica in Siria o la riunificazione della Repubblica popolare cinese e dell'isola di Taiwan.

Va anche notato che un'altra caratteristica dei tempi della Guerra Fredda classica e delle guerre precedenti è ora scomparsa: forze armate massicce ed economie di mobilitazione. Oggi, le forze armate delle principali potenze ricordano più gli eserciti professionisti d'élite dell'Ancien régime e del periodo delle "guerre di gabinetto", nonostante tutta la raffinatezza delle attrezzature tecnologiche.

Pertanto, è lecito concludere che ciò che sta accadendo oggi non è né una guerra fredda né una nuova guerra fredda. Piuttosto, è un "confronto multipolare", e la questione principale al momento è come i giocatori possono legalizzare e garantire i loro interessi e acquisizioni.
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Altona Офлайн Altona
    Altona (Eugene) Aprile 24 2018 08: 22
    +2
    La Russia dovrebbe costruire la propria cerchia di interessi e offrire al mondo la sua idea di civiltà, non contaminata da alcun tipo di atteggiamento capitalista. E il capitalismo stesso deve essere smantellato come un costrutto non funzionante.