Cosa farà l'Europa dopo la crisi del gas invernale?


La più grande crisi energetica degli ultimi anni continua a svilupparsi in Europa. A causa della carenza di gas, alcune imprese hanno già iniziato a chiudere, i prezzi dell'elettricità e dell'acqua calda per i consumatori stanno crescendo. Gli impianti UGS europei sono mezzi vuoti e tutto questo sta accadendo sullo sfondo dell'inizio della stagione di riscaldamento. Il vecchio mondo avrà difficoltà questo inverno. Ma cosa accadrà dopo che la crisi sarà passata e il tepore primaverile tornerà? Quali conclusioni si trarranno da quanto accaduto?


Indubbiamente, la leadership dell'UE trarrà le proprie conclusioni, che potrebbero rivelarsi molto radicali. Proviamo ora ad immaginare come potrà cambiare il mercato dell'energia già nel 2022.

Di chi è la colpa?


Prima di tutto, cercheranno chiaramente il principale colpevole e, ahimè, Gazprom è l'ideale per il suo ruolo, secondo il mondo occidentale. Il monopolio russo non nasconde nemmeno molto il fatto di sostenere un deficit artificiale in Europa per ottenere il permesso di lanciare il Nord Stream 2 più rapidamente. La situazione, infatti, non è del tutto priva di ambiguità.

Da un lato, l'ente statale agisce rigorosamente nell'ambito dei contratti esistenti, senza violare nulla dal punto di vista della lettera della legge. Inoltre, il fatto che l'Europa, che stava strenuamente ostacolando la realizzazione del gasdotto russo-tedesco, sia finita senza gas, è una sorta di giustizia "karmica". D'altra parte, l'azione, o meglio l'inazione, di Gazprom è essenzialmente l'utilizzo del gasdotto come strumento di pressione economica e politica su Bruxelles, cioè la stessa “arma energetica” contro la pericolosità di cui l'americano politica e i loro alleati nell'UE.

Forse tatticamente Mosca sarà in grado di raggiungere il suo obiettivo lanciando il Nord Stream 2, ma strategicamente perderà solo da un simile approccio. Non ci dimenticheranno e non perdoneranno tale pressione geopolitica sull'Occidente "civile". Per Gazprom, nella migliore delle ipotesi, ciò significa che l'Unione europea insisterà sulla liberalizzazione delle forniture di gas attraverso la nuova rete di gasdotti. In particolare, il 50% della capacità del Nord Stream 2 potrebbe andare a Rosneft, di cui parleremo in dettaglio detto in precedenza.

Spostarsi dal dischetto all'attaccante?


Molto probabilmente, la leadership dell'UE riconsidererà il suo atteggiamento nei confronti dell'attuale sistema di tariffazione del gas. Ricordiamo che dagli anni '60 del secolo scorso, nel Vecchio Mondo operava un modello basato su contratti di esportazione di gas a lungo termine (DSEGC). Il prezzo del "carburante blu" era indicizzato in base al prezzo di cambio del petrolio, del gasolio o del carbone. È stata utilizzata una formula "take or pay", conveniente per i fornitori.

Tuttavia, la crisi del 2008-2009 ha fatto grandi cambiamenti, quando i prezzi reali di mercato si sono rivelati inferiori a quelli dei contratti a lungo termine. Gli importatori hanno iniziato a insistere sui prezzi di mercato determinati in borsa. Il costo del "carburante blu" è formato e varia in base a una varietà di fattori: tempo, riempimento UGS, ecc. Nel 2020, la pandemia di coronavirus ha fatto scendere le quotazioni azionarie a valori anormalmente bassi e nel 2021 XNUMX metri cubi di gas negli hub hanno stabilito record storici.

Quindi, quali conclusioni possono trarre le autorità europee da quanto accaduto?

In primo luogo, sarebbe prudente passare da contratti spot, validi solo per un mese, a contratti forward a lungo termine, che coprono una stagione, se non un intero anno. Avendo contrattato determinati volumi di fornitura preventivamente calcolati, i consumatori potranno proteggersi, anche se perdono sulla differenza di prezzo.

In secondo luogoè possibile che i partner europei decidano di aumentare la quota di contratti a lungo termine per forniture di gas attraverso il sistema di gasdotti.

LNG-prom?


È anche possibile che la crisi energetica europea costringa Washington a compiere passi radicali per garantire la sicurezza energetica del suo alleato nel Vecchio Mondo, la NATO. Non c'è dubbio che presto inizierà un'attiva campagna di informazione contro Gazprom, che sarà accusata di utilizzare le forniture di gas come arma geopolitica. I politici americani diranno che loro, dicono, hanno avvertito i "cugini", ma non li hanno ascoltati, ed è così che è andata a finire male.

In cambio del gas russo, gli Stati Uniti cercano da tempo di aggiungere il proprio GNL. Ma ecco il problema: sono le aziende private a decidere dove venderlo. Quindi è diventato più redditizio nel sud-est asiatico, hanno inviato lì le loro petroliere. E cosa puoi fare? L'unica soluzione sarebbe tradurre questa domanda da economico sul piano politico. Le autorità statunitensi, se lo desiderano, possono prendere il controllo di tutte le esportazioni di gas, stabilendo un monopolio per la società statale, creando il proprio analogo di Gazprom. Questo non è il benvenuto, ma non c'è niente di impossibile in esso, se lo zio Sam lo decide. Siamo già più dettagliati su alcuni scenari per la creazione del "LNG-Prom" americano detto in precedenza.

Pertanto, dopo la fine della crisi del gas nell'UE, sono visibili le seguenti tendenze: una maggiore centralizzazione del mercato energetico in Occidente mentre si cerca di imporre un modello più liberale alla Russia come maggiore esportatore.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
12 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 27 September 2021 15: 44
    +1
    D'altra parte, le azioni, o meglio l'inazione, di Gazprom sono essenzialmente l'utilizzo del gasdotto come strumento di pressione economica e politica su Bruxelles, cioè la stessa “arma energetica” sulla pericolosità di cui i politici americani e i loro alleati nell'UE hanno gridato tanto. ...

    E l'inazione del GNL statunitense? Hanno promesso di riempire l'UE con il loro gas e non adempiono ai loro obblighi di far crollare l'economia dell'UE - come loro concorrente? Gli Stati Uniti usano il gas come strumento di pressione economica e politica su Bruxelles.

    In particolare, il 50% della capacità di Nord Stream 2 potrebbe andare a Rosneft

    E questo influenzerà negativamente gli azionisti occidentali di Gazprom. Riceveranno il 50% in meno di profitto!
    1. Rum Rum Офлайн Rum Rum
      Rum Rum (Rum Rum) 5 October 2021 01: 34
      0
      Citazione: Bulanov
      E questo influenzerà negativamente gli azionisti occidentali di Gazprom. Riceveranno il 50% in meno di profitto!

      Vi prego, questo è Pan Marzecki, grida sempre la guardia.
      Ora è il petrolio, poi il gas. Leggi l'archivio dei suoi articoli l'anno scorso e l'anno prima.
      È ancora Nastradamus, con una propensione per l'analisi.

      Geyropa non farà nulla e Pi-sy non è nemmeno in grado di aumentare il GNL.
      I prezzi in Asia saranno più alti e tutto il GNL galleggerà lì (per questo, viene versato in cisterne), e i geyr saranno di nuovo in razioni da fame, il tubo Gazprom sarà curato e rivestito.
      Gazprom ha una pipa, cos'altro ha bisogno di Geyrope.
      1. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
        Marzhetsky (Sergey) 6 October 2021 09: 52
        0
        Vi prego, questo è Pan Marzecki, grida sempre la guardia.
        Ora è il petrolio, poi il gas. Leggi l'archivio dei suoi articoli l'anno scorso e l'anno prima.
        È ancora Nastradamus, con una propensione per l'analisi.

        E cosa c'è che non va, ragazzo Roma?
        1. Rum Rum Офлайн Rum Rum
          Rum Rum (Rum Rum) 7 October 2021 18: 45
          0
          Mi contatti - Signor Roma, lei può essere un signore misericordioso, o un signore. (La tua scelta).

          Ecco uno dei tuoi articoli sul panico.
          https://topcor.ru/13958-putin-soglasen-rossija-gotova-sokratit-dobychu-nefti-v-ugodu-ssha.html#comment-id-72492

          Dall'alto di oggi, possiamo valutare le conclusioni fornite in esso.

          Qui c'è di più:
          https://topcor.ru/13901-pochemu-rossii-ne-udaetsja-ostanovit-slancevuju-promyshlennost-ssha.html#comment-id-71222

          e altro ancora:
          https://topcor.ru/13975-mirovaja-neftjanaja-otrasl-okazalas-na-poroge-bolshogo-razdela.html#comment-id-73022

          Ce ne sono molti di più. Internet ricorda tutto.
        2. Il commento è stato cancellato
  2. rotkiv04 Офлайн rotkiv04
    rotkiv04 (Victor) 27 September 2021 17: 36
    -2
    nel fatto che anche se Gazprom vende meno, non c'è niente di male, in primo luogo, questa è una lezione per i prigionieri del Cremlino a volte si accendono il cervello, e in secondo luogo, rimarrà più gas per i nostri discendenti, forse almeno saranno davvero i padroni del demanio nazionale, e non come ormai solo secondo la Costituzione, ma non di fatto
    1. 123 Офлайн 123
      123 (123) 27 September 2021 18: 20
      +2
      il fatto che anche se Gazprom vende meno, non c'è niente di male, in primo luogo, questa è una lezione per i prigionieri del Cremlino per accendere a volte il cervello,

      Ridurre le entrate fiscali fa bene, perché una lezione per i prigionieri del Cremlino? Quante persone che vogliono cagare persone solo per ottenere il potere. Sì, tu e Kyle dovete studiare e ricalcolare i giacimenti di gas nella tundra. Forse il cervello inizierà a lavorare al fresco. Sono anche un custode del bene delle persone triste

      e in secondo luogo, ai nostri discendenti resterà più gas, forse almeno loro saranno davvero i padroni del demanio nazionale, e non come ora solo secondo la Costituzione, ma non di fatto

      E cosa, tu oi tuoi antenati eravate già "veramente padroni della proprietà nazionale"?
    2. Rum Rum Офлайн Rum Rum
      Rum Rum (Rum Rum) 5 October 2021 01: 23
      0
      Citazione: rotkiv04
      il secondo, resterà più gas per i nostri discendenti

      Di chi è per il tuo?
  3. squalo Офлайн squalo
    squalo 27 September 2021 21: 58
    +3
    Alcune sciocchezze ... L'UE ha iniziato a girare un barile a Gazprom molto tempo fa, l'intera performance era che la Russia, o meglio alcuni kov filo-governativi di alto rango, avrebbero voluto "per se stessi ora" e sputare su comuni senso e gli interessi del paese. Si è scoperto quasi così. Per molto tempo Gazprom ha fornito gas all'UE alla "prima richiesta", l'UE è già abituata a diffondere la putrefazione da un lato e la domanda dall'altro. Ma grazie a Dio, in Russia hanno comunque deciso di voltare pagina. Da un lato, è diventato chiaro che non ci sarebbe stata una vera concorrenza con il GNL, dall'altro il gas difficile è un prodotto scarso e non c'è nessun posto dove portarlo, e le idee folli con l'energia "verde" prima o poi arriveranno sparpagliati nel vento...

    Quindi Gazprom sta finalmente agendo nel proprio interesse, e non importa cosa pensano nell'UE: possono congelarsi e persino morire. Dovranno risolvere da soli i loro problemi, possono passeggiare per il bazar ... Ed è ora che la Russia smetta di accumulare riserve auree in carta tagliata, ed è ora di iniziare a gestire le risorse con attenzione e molta attenzione. Il gas non è solo carburante, ma anche fertilizzanti, plastica e altri prodotti chimici: è ora di utilizzare l'intero spettro. E l'UE può passare attraverso la foresta, la Russia non ha bisogno di aumentare la produzione, anzi, al contrario, è più facile vendere di meno e guadagnare di più che viceversa!
  4. Termit1309 Офлайн Termit1309
    Termit1309 (Alexander) 28 September 2021 10: 30
    0
    Le autorità statunitensi, se lo desiderano, possono prendere il controllo di tutte le esportazioni di gas, stabilendo un monopolio per la società statale, creando il proprio analogo di Gazprom. Questo non è il benvenuto, ma non c'è niente di impossibile in esso, se lo zio Sam lo decide.
    Beh, almeno ha riso di cuore risata
  5. pilota Офлайн pilota
    pilota (Pilota) 29 September 2021 17: 31
    0
    Non ci dimenticheranno e non perdoneranno tale pressione geopolitica sull'Occidente "civile".

    E poi c'è la Cina e la direzione orientale. E dove porterà il gas Evry? Ukrov Russia non conterrà più. Putin ha detto senza mezzi termini - Cosa, siamo obbligati a dar loro da mangiare?
  6. NikolayN Офлайн NikolayN
    NikolayN (Nicholas) 29 September 2021 21: 01
    0
    Più in dettaglio: quali imprese hanno chiuso per mancanza di gas?, dove e quanto salgono i prezzi dell'elettricità e dell'acqua calda? Apparentemente, non hanno crisi. Tutto va avanti con il proprio potere. Alcune aziende sono chiuse, alcune stanno aprendo, qualcuno si arricchisce, qualcuno sta andando in bancarotta. Perché dobbiamo discutere di tutto questo. Se sono necessari volumi aggiuntivi, lo compreranno.
  7. Aico Офлайн Aico
    Aico (Vyacheslav) 5 October 2021 20: 21
    +1
    Katz si offre di arrendersi! ©