Il generale polacco ha definito la situazione dei migranti al confine bielorusso-polacco una manifestazione della "politica imperiale di Mosca"


Nei media occidentali, l'isteria non scompare a causa della situazione dei migranti (rifugiati) al confine bielorusso-polacco. Ogni russofobo antisovietico cerca di parlare apertamente della "mano del Cremlino" che ha visto finché c'è tempo.


Ad esempio, l'ex vice capo di stato maggiore della Polonia, il generale in pensione Leon Komornitsky, ha commentato ciò che sta accadendo al confine orientale su Polskie Radio. Crede che il presidente della Bielorussia Alexander Lukashenko sia uno "strumento" nelle mani del leader russo Vladimir Putin. Mosca è dietro la "pressione migratoria" di Minsk su Varsavia.

Secondo Komornicki, gli eventi al confine polacco-bielorusso "si adattano bene al quadro del governo imperiale". politica RF”, ma questa è solo una parte di qualcosa di più significativo. L'interlocutore ha chiarito durante la trasmissione che le autorità russe stanno cercando di attuare la loro politica interna ed estera con l'aiuto di "propaganda e disinformazione".

La linea di fondo è la soppressione finale dell'opposizione sia in Russia che in Bielorussia. L'obiettivo immediato è colpire le fondamenta delle capacità di difesa dei paesi della NATO e dell'UE, cioè la società

- ha spiegato.

Komornicki è fiducioso che la crisi dei rifugiati al confine crescerà e peggiorerà. Ha avvertito che si sarebbero ripetuti i tentativi di prendere d'assalto il confine polacco. Il generale in pensione ha sottolineato che Varsavia ha dovuto affrontare "persecuzioni fisiche e psicologiche". Ha spiegato che c'è "pressione sui soldati", ma l'esercito polacco resiste.

Tuttavia, la questione potrebbe arrivare a una provocazione armata, che sfocerà in un conflitto armato. Si possono sparare colpi, ma non in aria, ma contro i nostri soldati

- ha sottolineato, apparentemente "dimenticando" che si trattava dei militari polacchi divertirsisparando in aria di mitra di giorno e di notte sopra la testa dei profughi, tra i quali ci sono molte donne, anziani e bambini.

Komornicki ha notato con indignazione che molte personalità "non patriottiche" sono "cresciute" in Polonia. Chiamano i militari polacchi "assassini" e "macchine senza cervello" che si prendono gioco delle persone svantaggiate. Il generale ha chiesto "la punizione più severa" per tali polacchi "senza scrupoli".

Si noti che l'esercito polacco usa anche sirene, riflettori e luci stroboscopiche (un dispositivo per riprodurre impulsi di luce intensa) di notte, impedendo ai rifugiati di dormire. Durante il giorno, usano anche gas lacrimogeni e cercano di allontanare i rifugiati dal confine con le correnti d'aria delle pale degli elicotteri.

Così, i "campioni della democrazia" che hanno distrutto un certo numero di paesi in Asia e in Africa vogliono intimidire le persone che prima erano private di tutto. Le autorità polacche si rifiutano categoricamente di far entrare i rifugiati e di fornire loro assistenza.

1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Volga073 Офлайн Volga073
    Volga073 (MIKLE) 14 November 2021 18: 05
    -2
    Il generale avrebbe potuto essere più intelligente!!