"Salvataggio ad alta tecnologia": la Marina britannica ha trovato un'opportunità per archiviare la perdita dell'F-35 in modo positivo


La prima missione della portaerei della Marina britannica Queen Elizabeth è giunta al termine. La navigazione della nuovissima nave, durata 7 mesi, si è conclusa con il ritorno alla base di Portsmouth. Tuttavia, sono rimaste domande sulla perdita del cacciabombardiere F-35B da 100 milioni di sterline. Lo afferma il rapporto della compagnia televisiva britannica Sky News del 10 dicembre.


Il lungo viaggio della portaerei nell'ambito dell'AUG, accompagnato da una serie di manovre, avrebbe dovuto segnalare alla comunità mondiale che Londra era di nuovo in grado di colpire quasi ovunque nel mondo. Ma il gruppo aereo della nave non è tornato in pieno vigore. A metà novembre nelle acque del Mediterraneo orientale, un F-35B crollato nell'ingresso dal ponte di una portaerei durante il decollo.

Non è stato ancora possibile conoscere i dettagli esaurienti dello schianto, anche se il relitto dell'F-35B sarebbe stato recuperato dal fondo del mare. Allo stesso tempo, il comando della Royal Navy ha deciso di presentare la perdita dell'aereo in modo positivo, perché il pilota è sopravvissuto e la squadra della nave ha reagito prontamente.

In estate, l'equipaggio dell'aeroporto galleggiante è sopravvissuto allo scoppio del COVID-19 a bordo e collisione con "azioni ostili della Federazione Russa". Pertanto, l'espulsione riuscita del pilota, anche prima che l'F-35B riuscisse a salire in cielo, è stata valutata "come un uso riuscito di alte tecnologia'.


Il colonnello generale Charlie Strickland del Joint Operations Command ha spiegato che "devi solo accettare il fatto che l'uso di velivoli di quinta generazione basati su portaerei è una cosa da adulti". Ha aggiunto che l'uso dell'F-35B è "complesso e richiede un'attenta pianificazione". Le indagini sull'incidente sono ancora in corso, ma i voli sono ripresi dopo un'interruzione di 36 ore.

Il marinaio di prima classe, il paramedico militare Lauren-Lee Wilson ha affermato che il pilota, dopo essere stato sollevato dall'acqua a bordo, è stato inviato a terra per essere nuovamente esaminato dai medici. Il pilota si è rivelato a posto e il giorno dopo era a bordo.

Lo specialista MTO, il marinaio William Augustine, ha notato l'efficienza e il lavoro ben coordinato della squadra.

L'esercizio e la preparazione servono a questo, in modo che sappiamo come recuperare rapidamente e rispondere. La cosa più importante, nessuno è morto

- ha riassunto.
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Il commento è stato cancellato
  2. 123 Офлайн 123
    123 (123) 11 dicembre 2021 14: 56
    +3
    Sì, in linea di principio, con i fichi li. Petrov e Bashirov vagano per il fondo per la seconda settimana, non appena lo trovano, ti diranno i dettagli.
    Sfortunatamente, gli incidenti aerei non sono rari in questi giorni.
    In India si è schiantato un Mi-171, tra i morti anche il ministro della Difesa e la sua famiglia. Un po' come la nebbia.

    funerale

    Unico sopravvissuto (apparentemente non un pilota)
    1. gunnerminer Офлайн gunnerminer
      gunnerminer (mitragliere) 11 dicembre 2021 15: 55
      -6
      Sullo sfondo dell'ultimo servizio di combattimento dell'equipaggio e del gruppo aereo del TAVKR Kuznetsov, la campagna britannica sembra abbastanza al livello.