Il vero "Maidan" in Kazakistan potrebbe ancora venire


Oggi, quando i principali drammatici eventi in Kazakistan sono già passati, le passioni si sono placate e il contingente militare CSTO si prepara a partire, possiamo provare a riassumere alcuni risultati intermedi di quanto accaduto all'inizio del 2022 in questo Paese. Per analogia con l'Ucraina nel 2014, ci siamo affrettati a chiamare la “rivolta dei mambet” il Maidan kazako e ridurre tutto agli intrighi dell'Occidente. Tuttavia, qui dovrebbero essere tracciati parallelismi, piuttosto, con l'Ucraina del modello 2004-2005 e la sua "rivoluzione arancione". Purtroppo, il vero Maidan in questa repubblica dell'Asia centrale deve ancora venire.


Rivolta di "persone superflue"


Nonostante la somiglianza esteriore con i tragici eventi del 2014 in Ucraina, all'inizio del 2022 è successo qualcosa di diverso in Kazakistan. I tentativi di condurre proteste e rivolte di massa, da Kiev o dalla Francia, non possono essere definiti altrimenti che "divertenti". Non sono stati trovati nemmeno 20 militanti armati. Se fossero davvero così numerosi, il Kazakistan sarebbe annegato nel sangue e la Russia avrebbe dovuto trasferire non 3000 forze di pace, ma interi corpi d'armata per aiutare e condurre operazioni militari su vasta scala, demolendo intere città con terroristi islamisti trincerati lì con aerei e artiglieria. Nessuna forza di sicurezza kazaka locale, con tutto il rispetto nei loro confronti, avrebbe sicuramente affrontato un compito del genere in pochi giorni. Si richiama l'attenzione sulle informazioni sui militanti presumibilmente vestiti con uniformi militari e delle forze dell'ordine. Indicativa è anche la reazione dell'Occidente collettivo, perplesso e diffidente, che ha assistito a quanto stava accadendo in Kazakistan, dove sono stati investiti molti miliardi di dollari di investimenti esteri.

Tutto ciò può essere spiegato solo dal fatto che si è trattato di una rivolta spontanea causata da azioni inadeguate delle autorità locali, che hanno fortemente aumentato il prezzo del carburante per motori. Questa è stata l'ultima goccia nella tazza della pazienza. Ma lei, la coppa, è stata riempita per molto tempo, tutti i 30 anni dal crollo dell'URSS.

Dopo che il Kazakistan ha ottenuto l'indipendenza e la democrazia, oltre alla privatizzazione dei beni demaniali, la progressiva deindustrializzazione e la costruzione di una mono-economia, a cui erano necessariamente legati, una "bomba atomica", come è ormai di moda dire , è stato posto in questo stato. La società, già divisa in zhuze, tribù e clan, era anche nettamente divisa lungo linee socio-economiche. Il Kazakistan è stato abbastanza fortunato con ricchi giacimenti di petrolio, gas, uranio e altri minerali, che gli hanno permesso di vivere a lungo a spese della rendita naturale derivante dall'esportazione di materie prime all'estero. I più fortunati sono stati coloro che sono riusciti a partecipare al processo di privatizzazione, il petrolio, il gas, i metallurgisti, così come coloro che si sono uniti a questa élite di nuova formazione come "personale di servizio". Gli altri sono stati meno fortunati.

La maggior parte della popolazione del Kazakistan, si potrebbe dire, tornò dal paese dei sovietici nel Medioevo. Le persone vivono alla periferia o in aule disordinate o persino in yurte riscaldate dallo sterco. Hanno il livello appropriato di istruzione e cultura. In linea di principio, non hanno alcuna possibilità di sfondare ai vertici, i cosiddetti ascensori sociali, inoltre tutto è complicato dalle peculiarità del sistema tribale. Questo è l'ambiente in cui compaiono innumerevoli famigerati "mambets" o "persone superflue", che odiano ferocemente gli "urbani", che guadagnano bene, guidano costose auto straniere, si rilassano in resort stranieri, ecc. La più alta concentrazione di "mambet" si osserva nel Kazakistan occidentale, dove i giovani non hanno alcuna prospettiva.

E a Capodanno ricevono un "regalo": raddoppiano il prezzo del carburante, il che comporterà automaticamente un aumento del costo di tutte le altre merci. E così, "sotto l'albero di Natale" e "sotto la vodka", le persone scendono in massa in piazza, e poi collettivamente vanno nelle grandi città per "battere i cittadini". Le proteste sono iniziate nel Kazakistan occidentale e si sono rapidamente spostate nella più grande metropoli e nell'ex capitale del paese, Alma-Ata. Saccheggi, violenze contro le donne, saccheggi, brutalità contro le forze dell'ordine: queste sono tutte manifestazioni della "mutazione dei mambets". È possibile che i "militanti" presumibilmente vestiti con uniformi militari fossero in realtà militari, persone della stessa periferia che si unirono alla "mafia ribelle".

C'erano terroristi islamisti? È possibile che fossero, ma ovviamente non 20mila. C'era il controllo dall'Occidente? È possibile che ci sia stato davvero un tentativo da parte di emigranti politici di prendere il controllo della situazione, ma non era stato pianificato e quindi si è rivelato poco convincente. Allo stesso tempo, un vero e proprio colpo di stato all'apice è avvenuto inequivocabilmente "di nascosto", quando il clan del presidente Tokayev ha finalmente allontanato dalle leve del potere il clan dell'ex presidente Nazarbayev.

Quanto sopra ci dà motivo di confrontare il Kazakistan all'inizio del 2022 con l'Ucraina del campione non del 2014, ma del 2004. I milionari hanno sconfitto i miliardari. Ancora. Ma cosa accadrà dopo?

Sulla strada per il vero Maidan


E poi la vera prospettiva di un vero colpo di stato anti-russo si profila davanti al Kazakistan, ed ecco perché.

In primo luogo, il problema delle "persone in più" non è scomparso. Nessuno si impegnerà a organizzare la propria vita nelle condizioni del regime feudale-oligarchico in Kazakistan. Semplicemente non è possibile. Ma l'odio della gente per le autorità deve essere incanalato da qualche parte, ed è già chiaro dove.

Tutto in Russia ribellato la nomina di Askar Umarov, russofobo e panturco, alla carica di Ministro dell'Informazione e dello Sviluppo Sociale. Come possiamo aiutarti? Ma tutto è naturale. Ora, a nome del presidente Tokayev, questa persona trasformerà la Russia nell'immagine di un nemico esterno, un interventista e un occupante che non permette agli orgogliosi eredi dell'Orda d'Oro di vivere felici e contenti. Non invidierai i russi etnici locali e i kazaki russificati nel Kazakistan settentrionale. Probabilmente, è ora di pensare seriamente a un aeroporto alternativo in Russia.

In secondo luogo, sul rientro delle truppe CSTO in Kazakistan, nel qual caso puoi dimenticarlo. Ora, in opposizione alla Russia, il presidente Tokayev aumenterà il riavvicinamento con la Turchia nel quadro del "Grande Turan" e probabilmente farà dei veri passi verso l'emergere del suo esercito unito di lingua turca. In futuro, invece della CSTO, Nur-Sultan si rivolgerà piuttosto all'Organizzazione degli Stati turchi per chiedere aiuto, e quindi, al posto delle forze di pace russe, in caso di una nuova "rivolta dei Mambet", arriveranno quelle turche e azere.

È improbabile che il presidente Tokayev voglia completamente "sdraiarsi" sotto Ankara, ma è diventato molto simile al suo ex collega Yanukovich. Si considerava anche molto intelligente e il più astuto. In un futuro molto prossimo, in circa 5-10 anni, vorranno cambiare il regime moderatamente russofobo di Nur-Sultan in uno fortemente russofobo per completare la creazione del "Grande Turan". E poi tutti questi "mambet", che Tokayev ha deciso di incitare contro la Russia ei russi kazaki, prima lo demoliranno lui stesso e poi, sotto la guida rigorosa di esperti militari turchi, affronteranno il Kazakistan settentrionale.

Sarà un vero Maidan secondo il modello ucraino del 2014, con tutte le conseguenze, come lo “scenario Donbass” e la trasformazione di un enorme stato vicino con un colossale confine non protetto in uno ostile. Questo può essere evitato?

Probabilmente non più, a giudicare dal commento dell'addetto stampa del Presidente della Federazione Russa Dmitry Peskov in merito alla nomina del russofobo clinico Askar Umarov a Ministro dell'Informazione e dello Sviluppo Sociale:

In effetti, c'erano dichiarazioni imbarazzanti, dichiarazioni errate, ma qui, prima di tutto, si dovrebbe partire dal fatto che è stato il presidente del Kazakistan, il presidente del nostro partner, stato alleato, a nominare il suo gabinetto dei ministri, e ha mostrato fiducia nel signor Umarov. Dovrebbe essere giudicato dalle dichiarazioni che Umarov farà già nel suo nuovo status e, ovviamente, è necessario e dovrà lavorare per interagire e approfondire la cooperazione con quei ministri nominati dal presidente Tokayev.

Ebbene, sì, questo è puramente un "affare interno del Kazakistan". La loro vita lì, al Cremlino, non insegna loro nulla.
25 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 14 gennaio 2022 11: 17
    0
    Il Kazakistan è stato abbastanza fortunato con ricchi giacimenti di petrolio, gas, uranio e altri minerali, che gli hanno permesso di vivere a lungo a spese della rendita naturale derivante dall'esportazione di materie prime all'estero.

    E quando tutta questa ricchezza finirà, cosa faranno i kazaki? Ricorderanno la lingua russa e l'alfabeto cirillico?
    E cosa impedisce alla Federazione Russa di organizzare le sue ONG in Kazakistan? Dov'è il ministero per i paesi del Commonwealth (una filiale del GRU, FSB, ABVGD ...)
    1. Marzhetsky Online Marzhetsky
      Marzhetsky (Sergey) 14 gennaio 2022 11: 58
      0
      E a cosa servono queste ONG? Insegnare ai mambets la lingua russa e ballare? Per che cosa?
      Le NPO sono necessarie ed efficaci solo nel quadro di una politica espansionistica ben congegnata e globale perseguita da Stati Uniti e Turchia.
      Il Cremlino semplicemente non ha bisogno dell'Ucraina (come ci viene costantemente detto) o del Kazakistan.
      1. Roos Офлайн Roos
        Roos 15 gennaio 2022 12: 38
        0
        ... Il Cremlino non ha bisogno dell'Ucraina (di cui ci viene costantemente detto),
        né il Kazakistan

        Perché nella stessa Federazione Russa ci sono un sacco di problemi e un carrello per l'avvio.
        1. Marzhetsky Online Marzhetsky
          Marzhetsky (Sergey) 15 gennaio 2022 16: 27
          -1
          Alcuni di questi problemi sono dovuti alla rottura dei legami industriali con l'Ucraina e alla prospettiva della comparsa di missili americani lì.
          1. Roos Офлайн Roos
            Roos 15 gennaio 2022 19: 23
            0
            Oligarchiamento dell'economia dopo il crollo dell'URSS, ad esempio, a causa di quali connessioni?
    2. Roos Офлайн Roos
      Roos 15 gennaio 2022 13: 05
      +1
      E quando tutta questa ricchezza finirà, cosa faranno i kazaki?

      Lo stesso si può dire dei russi.
  2. Marzhetsky Online Marzhetsky
    Marzhetsky (Sergey) 14 gennaio 2022 11: 34
    +1
    Citazione: Bulanov
    E cosa impedisce alla Federazione Russa di organizzare le sue ONG in Kazakistan? Dov'è il ministero per i paesi del Commonwealth (una filiale del GRU, FSB, ABVGD ...)

    Tutte queste ONG possono lavorare solo con un atteggiamento neutrale o benevolo delle autorità locali.
    O le autorità kazake non ne hanno bisogno, o semplicemente le autorità russe non sono interessate.
    1. ser-pov Офлайн ser-pov
      ser-pov (Sergey) 14 gennaio 2022 11: 51
      -2
      Citazione: Marzhetsky
      Citazione: Bulanov
      E cosa impedisce alla Federazione Russa di organizzare le sue ONG in Kazakistan? Dov'è il ministero per i paesi del Commonwealth (una filiale del GRU, FSB, ABVGD ...)

      Tutte queste ONG possono lavorare solo con un atteggiamento neutrale o benevolo delle autorità locali.
      O le autorità kazake non ne hanno bisogno, o semplicemente le autorità russe non sono interessate.

      La mia opinione è che proprio mentre Putin è impegnato negli Stati Uniti. Arriverà il momento di affrontare Tokayev. A PARER MIO.
      1. Marzhetsky Online Marzhetsky
        Marzhetsky (Sergey) 14 gennaio 2022 12: 06
        +2
        La mia opinione è che proprio mentre Putin è impegnato negli Stati Uniti. Arriverà il momento di affrontare Tokayev. A PARER MIO.

        Allo stesso tempo, no? Paura di disperdere lo sforzo?
        Bene, ok, allora aspettiamo che sconfigga gli americani e affronti il ​​Kazakistan. hi
        1. Roos Офлайн Roos
          Roos 15 gennaio 2022 12: 50
          0
          Per rafforzare la CSTO e la politica russa, sarebbe bello creare una potente base militare della Federazione Russa in Kazakistan.
      2. viktortarianik Офлайн viktortarianik
        viktortarianik (Vincitore) 14 gennaio 2022 13: 47
        +4
        Ma molto probabilmente sarà troppo tardi per affrontare Tokayev.
  3. ser-pov Офлайн ser-pov
    ser-pov (Sergey) 14 gennaio 2022 12: 11
    -2
    Citazione: Marzhetsky
    La mia opinione è che proprio mentre Putin è impegnato negli Stati Uniti. Arriverà il momento di affrontare Tokayev. A PARER MIO.

    Allo stesso tempo, no? Paura di disperdere lo sforzo?
    Bene, ok, allora aspettiamo che sconfigga gli americani e affronti il ​​Kazakistan. hi

    Questo è per lui, per favore. Ma non credo che un tale asso nella manica mancherà... hi
  4. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 14 gennaio 2022 12: 29
    -4
    Sì, hanno pasticciato un po' con l'annuncio del prossimo Maidan, ma con la grande sconfitta di Omeriki. Fatto.
    Una via d'uscita è spaventarli in futuro. Il tema ha successo, infinito.

    E la VIA è chiaramente visibile. Dal momento che non ha funzionato con Omerika e l'Occidente, è necessario spaventare il sultanato turco. (All'inizio dei disordini, Endogan è stato appena menzionato).

    Anche se se guardi la mappa .... ma semplicemente non c'era ancora "moda" per rimproverare la Cina

    E sulle "persone superflue", ecc. lì Klim Zhukov ha a lungo esposto al Goblin
  5. Marzhetsky Online Marzhetsky
    Marzhetsky (Sergey) 14 gennaio 2022 13: 05
    +1
    Citazione: Sergey Latyshev
    Sì, hanno pasticciato un po' con l'annuncio del prossimo Maidan, ma con la grande sconfitta di Omeriki. Fatto.
    Una via d'uscita è spaventarli in futuro. Il tema ha successo, infinito.

    E la VIA è chiaramente visibile. Dal momento che non ha funzionato con Omerika e l'Occidente, è necessario spaventare il sultanato turco. (All'inizio dei disordini, Endogan è stato appena menzionato).

    Ricordato. I turchi hanno solo aspettato un po'. Umarov è un ardente panturco, che parla del vettore di Tokayev.
    In Ucraina, la differenza tra i due Maidan era di soli 10 anni. Lo trovi divertente ora?
    1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
      Sergey Latyshev (Serge) 14 gennaio 2022 15: 01
      0
      Tolstoj L.N. Una favola su un ragazzo che faceva la guardia a una mandria e più volte gridava semplicemente: "Lupo, aiuto!"
      1. Marzhetsky Online Marzhetsky
        Marzhetsky (Sergey) 14 gennaio 2022 15: 19
        0
        E cosa significherebbe? ricorso
        1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
          Sergey Latyshev (Serge) 14 gennaio 2022 17: 57
          -2
          Potrebbe esserci o meno un Maidan, ma se ogni mese dici "maidan, maidan", "il dollaro sta per cadere", ecc. poi...
          1. Marzhetsky Online Marzhetsky
            Marzhetsky (Sergey) 15 gennaio 2022 16: 28
            0
            E allora? Nulla cambierà da questo.
            1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
              Sergey Latyshev (Serge) 15 gennaio 2022 17: 25
              0
              Sei piuttosto ottimista.

              Ma nella vita reale molte persone stanno già ridendo degli spaventapasseri e delle promesse... e rideranno ancora di più...
  6. alexey alexeyev_2 Офлайн alexey alexeyev_2
    alexey alexeyev_2 (alexey alekseev) 14 gennaio 2022 13: 57
    -1
    Dio non voglia che il PIL regni per almeno 8 anni. Sebbene non sia vendicativo, non si lamenta della memoria. Ed è ora che Tokaev inizi a costruire una residenza a Rostov. strizzò l'occhio
  7. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 14 gennaio 2022 19: 41
    0
    Il Kazakistan è incomparabilmente più importante dell'Ucraina sia per la Federazione Russa che per la RPC, che coordineranno le loro azioni e faranno tutto il possibile per prevenire l'influenza di vari tipi di islamisti, pan-turchi, occidentali e altri "democratici".
    Innanzitutto, il governo Tokayev ha bisogno di regolare le relazioni all'interno della classe dirigente e decidere sui partner stranieri, gli investimenti, le ONG e la loro influenza in Kazakistan.
    C'è motivo di ritenere che i rapporti con il PRC-RF saranno una priorità, e il secondo vertice delle “democrazie” dovrebbe dimostrarlo.
  8. Adler77 Офлайн Adler77
    Adler77 (Denis) 14 gennaio 2022 21: 02
    +2
    Hanno ingannato il du.rak in quattro pugni ...
    Oh
    Com'è triste tutto.
  9. scricchiolio Офлайн scricchiolio
    scricchiolio (sgranocchiare) 14 gennaio 2022 23: 14
    +3
    Citazione: alexey alexeyev_2
    Dio non voglia che il PIL regni per almeno 8 anni. Sebbene non sia vendicativo, non si lamenta della memoria. Ed è ora che Tokaev inizi a costruire una residenza a Rostov. strizzò l'occhio

    E non ricordiamo tutti gli insulti. Li scriviamo. Non c'è posto per questo multi-vettore ia-ia a Rostov. I Saxaul non sono dello stesso sistema.
  10. ALEXANDER VILYANY Офлайн ALEXANDER VILYANY
    ALEXANDER VILYANY (ALESSANDRO VILIANA) 15 gennaio 2022 12: 26
    +1
    La Russia ha una "finestra di opportunità" per mettere in atto SALUSAGES 2 per circa un anno ....... Quindi Tokayev, come Yanukovich, diventerà un babai "super molti vettori" .......
    MA sembra che il minatore maher "ZURABOVSKIY" sia più importante del destino delle persone in Kazakistan .....
  11. shiva Офлайн shiva
    shiva (Ivan) 15 gennaio 2022 22: 09
    0
    Ragazzi, scriviamo una petizione: rimuovi Peskov! Questo miracolo con gli occhi di pesce rovina l'immagine del nostro presidente!
    Non voglio che la voce del presidente sia morbida come il guano
    Io, un patriota, scrivo cose così brutte - PIL, pensaci! Mi piace tutto, tutto mi va bene, mia moglie sta combattendo contro i burocrati del ministero dell'Istruzione, va tutto bene, non c'è guerra nel nostro microdistretto di periferia. Ma dannazione, quando ti sputano in faccia e la faccia stupida di Peskov - siamo preoccupati ...