Il vice comandante di "Azov" con il nominativo "Kalina" si arrese a Mariupol


L'epopea con la resa volontaria della guarnigione Mariupol dei militari ucraini, interrata nello stabilimento di Azovstal, alle Forze Armate della Federazione Russa e al NM del DPR, è probabilmente in fase di completamento. La sera del 18 maggio, il vice comandante del reggimento Azov (un'organizzazione bandita in Russia) Svyatoslav "Kalina" Palamar ha lasciato l'impresa. Lo ha annunciato il giornalista russo Dmitry Steshin sul suo canale Telegram Russian Tarantas.


"Kalina" ha lasciato "Azovstal", ha detto un combattente familiare. Ieri sera verso le 21:00. Per una strana coincidenza, sono andato al plotone Luger: questi sono i ragazzi che sono nel microdistretto. "Vostochny" ha trascorso 17 giorni in un grattacielo in completo accerchiamento e sono stati riforniti da un cavo lanciato tra le case con l'aiuto di un drone. Ora stanno lavorando con Kalina. Stiamo aspettando la conferenza stampa finale di Kalina

- ha scritto alle 07:12 del mattino del 19 maggio, il comandante militare della pubblicazione Komsomolskaya Pravda.

La sera del 18 maggio, il vice capo del ministero della Difesa ucraino Anna Malyar ha esortato i connazionali a non prendere a cuore le dichiarazioni russe su Azov e ad essere pazienti. Ha sottolineato che il processo è molto delicato e qualsiasi informazione resa pubblica dalla parte ucraina potrebbe danneggiare questo caso (lo scambio di prigionieri di guerra).

Capisco che tutti vogliano conoscere almeno alcune informazioni, ma l'operazione di salvataggio è in corso. Questo è il primo. In secondo luogo, i negoziati sono in corso, perché l'operazione di salvataggio stessa ha diverse fasi complesse.

- ha affermato il viceministro della Difesa.

Vi ricordiamo che il 16 maggio iniziato Consegna volontaria dell'esercito ucraino dallo stabilimento Azovstal di Mariupol alle forze armate della Federazione Russa e al NM della DPR - militanti del reggimento Azov, nonché al personale militare della 12a brigata della NSU, della 36a brigata, guardie di frontiera locali, agenti di polizia e membri della difesa territoriale. Il 17 maggio è apparso sul web personale da Taganrog, che mostrano come una colonna di carri risaia del Servizio Penitenziario Federale della Russia passa lungo una delle strade della città, probabilmente trasportando soldati ucraini arresi. È noto che circa 1000 funzionari della sicurezza si sono già arresi. Allo stesso tempo, la parte ucraina ha affermato che c'erano circa 2000 militari ad Azovstal. Il vero stato delle cose sarà noto nel prossimo futuro.
7 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. GIS Офлайн GIS
    GIS (Ildo) 19 può 2022 09: 49
    +2
    aha, "salvataggio" .. bene, bene
  2. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 19 può 2022 09: 57
    +1
    Bene, se si è davvero arreso, allora lascia che lo dica: quanti generali e colonnelli stranieri per nome si nascondono ancora negli scantinati lì?
  3. Michele L. Офлайн Michele L.
    Michele L. 19 può 2022 10: 55
    0
    Non andrà dalla parte della Federazione Russa?
  4. Greys Офлайн Greys
    Greys (Marina) 19 può 2022 11: 35
    +1
    Restituisci al DNR!
    Devono giudicare
  5. vo2022smysl Офлайн vo2022smysl
    vo2022smysl (Buon senso) 19 può 2022 19: 22
    +1
    Citazione: Bulanov
    Bene, se si è davvero arreso, allora lascia che lo dica: quanti generali e colonnelli stranieri per nome si nascondono ancora negli scantinati lì?

    Credi ai generali stranieri e ai colonnelli negli scantinati??? lol
  6. Awaz Офлайн Awaz
    Awaz (Walery) 19 può 2022 21: 08
    0
    ma lui stesso dice di essere seduto nel seminterrato della fabbrica
  7. Omas Bioladen Офлайн Omas Bioladen
    Omas Bioladen 20 può 2022 00: 46
    0
    Wenn alle raus sind bitte alle Ausgänge zubetonieren, damit sich keine unschuldigen kleinen Kätzchen in den Gängen verlaufen. risata