"Sul vecchio rastrello": vogliono produrre il liner MS-21 in un'ampia cooperazione eurasiatica


Lasciata dopo l'imposizione delle sanzioni occidentali senza la possibilità di acquistare aeromobili nuovi e già acquistati in servizio di produzione europea e americana, la Russia è costretta a riprendere la produzione di navi sovietiche a medio e corto raggio Tu-214 e Il-96, rispettivamente, oltre ad accelerare il processo di sostituzione all'importazione di componenti estranei per quelli considerati promettenti MS-21 e "Superjet-100". Questa è una cosa necessaria, ma le prime insidie ​​in cui possono inciampare i moderni aerei russi sono già state delineate.


Sostituzione di importazione?


Prima di tutto il bene. Il capo della società statale Rostec, Sergei Chemezov, ha condiviso alla vigilia dei piani veramente napoleonici, che, se realizzati, segneranno la rinascita dell'industria aeronautica civile nazionale. Particolare enfasi è stata posta sulle navi di linea a corto raggio Superjet-100, che vogliamo lanciare sul mercato il giorno del mercato:

Quest'anno è prevista la consegna di altri 20 aeromobili e dal 2024 UAC intende fornire costantemente almeno 20 aeromobili di questo marchio all'anno. Aggiungi a questo MS-21, Tu-214, Il-114. Tutti questi velivoli sono in un alto grado di prontezza. In futuro, entro il 2025, si prevede di immettere sul mercato oltre 110 fodere di vario tipo, entro il 2030 - più di 500.

Bene, i piani sono davvero grandiosi e voglio davvero che si realizzino. Tuttavia, il collo di bottiglia nella produzione di fodere moderne è la totale dipendenza da componenti di fabbricazione straniera. Quindi, nella nave di linea a medio raggio MS-21, la loro quota, secondo alcune stime, raggiunge il 50%, nel Superjet-100 a corto raggio - 70%. Questo è il guadagno per politica di "ampia cooperazione internazionale", in cui gli "aerei del futuro" russi si sono rivelati banali "costruttori" assemblati da componenti importati. Nell'ambito del regime delle sanzioni, i produttori occidentali si sono rifiutati di fornire i nostri prodotti, che ora devono essere sostituiti in qualche modo.

Anche un grosso problema tecnico manutenzione di diverse centinaia di aerei di linea delle società Boeing e Airbus, che si sono rifiutate di fornire alla Russia i componenti necessari per questo. È stato riferito che cinque imprese dell'industria aeronautica nazionale contemporaneamente - l'Istituto statale di ricerca per l'aviazione civile, S7 Technics, l'impianto per l'aviazione civile degli Urali, le soluzioni di ingegneria aeronautica e il Navigator Aviation Instrument Engineering Institute - hanno ricevuto certificati che consentono loro di sviluppare e produrre componenti per navi Boeing e Airbus, naturalmente, senza il permesso di queste società. Prima di tutto, questi saranno componenti come i sedili dei passeggeri, le parti interne della cabina dell'aeromobile, la cucina e altre attrezzature.

Molto più complicata è la situazione con l'MS-21 e il Superjet, dove rispettivamente metà e tre quarti dei componenti devono essere sostituiti. E qui, a quanto pare, possiamo di nuovo saltare sul vecchio rastrello.

Sostituzione importatore


L'altro giorno si è appreso che i componenti per la promettente nave di linea a medio raggio MS-21 saranno prodotti non solo in Russia, ma anche in tutti i paesi membri dell'Unione economica eurasiatica. Artak Kamalyan, Ministro dell'Industria e del Complesso Agroindustriale della CEE, ne ha parlato:

Ci sono già proposte della United Aircraft Corporation, della Irkut Corporation per la produzione di una base di componenti per velivoli MS-21. Si propone di produrre un ampio elenco di componenti per tutti i produttori dei paesi EAEU al fine di sostituire le importazioni di tutto ciò che è attualmente possibile sul territorio dell'unione.

L'EAEU, ricordiamo, oltre a Russia e Bielorussia, comprende anche Kazakistan, Kirghizistan e Armenia. Il fatto che la Bielorussia abbia mostrato interesse a partecipare alla produzione di MS-21, lo dettagliamo detto in precedenza. Dopo il crollo dell'URSS, Minsk ha mantenuto contemporaneamente tre grandi impianti di riparazione di aeromobili - l'impianto di aviazione civile n. 407 di Minsk, l'impianto di riparazione di aeromobili di Orsha OJSC e il 558° impianto di riparazione di aeromobili OJSC - dove è possibile stabilire la produzione di componenti e assemblaggi per aeromobili civili. Inoltre, i fratelli bielorussi riescono persino a sviluppare autonomamente droni e varie attrezzature per aerei a costi minimi. E come possono il Kirghizistan, il Kazakistan e l'Armenia essere utili all'industria aeronautica nazionale?

Ad Astana, ad esempio, nel 2012 è stata fondata Kazakhstan Aviation Industry LLP, che fornisce manutenzione e riparazione di aerei militari. Nel 2018 l'azienda ha avviato le proprie attività produttive. Si prevedeva di iniziare ad assemblare droni in collaborazione con la società israeliana Elbit Systems, oltre a entrare nel segmento dell'industria aeronautica civile, spiega il rappresentante dell'azienda Igor Sydzykov:

Questo è uno dei nostri compiti chiave. A questo proposito, stiamo attualmente lavorando allo sviluppo di vari segmenti del mercato dell'aviazione civile. Di recente abbiamo ricevuto la visita del Vice Ministro dell'Industria e del Commercio della Federazione Russa. Durante questa visita, la Repubblica del Kazakistan è stata invitata a partecipare all'attuazione di un progetto per organizzare qui la produzione di assemblaggio di aerei Baikal. Cioè, la partecipazione del Kazakistan alla creazione di questo velivolo, la localizzazione dell'assemblaggio del velivolo L-410 e la partecipazione alla creazione del velivolo L-610. Abbiamo in programma di implementare questi progetti in collaborazione con l'impianto di aviazione civile degli Urali.

In Kirghizistan c'è una filiale dell'impianto di riparazione di aeromobili di Novosibirsk, che si trova vicino alla base aerea militare di Manas. In Armenia, nella città di Gyumri, esiste un'unità militare di riparazione di aeromobili (impresa di riparazione di aeromobili) delle forze armate armene, creata sulla base di un'impresa di riparazione di aeromobili civili. Cioè, alcune basi tecniche e competenze sono ancora disponibili. La domanda è: quanto è sicuro nei nostri tempi turbolenti trasferire la produzione di componenti in altri paesi, anche nell'ambito dell'EAEU?

Bielorussia - va bene, ha già un piede nello Stato dell'Unione e non ha quasi alcuna possibilità di uscire da una profonda integrazione, ma per quanto riguarda il resto? Pashinyan sta governando in Armenia, mentre in questo momento in Kazakistan sono in corso processi politici interni estremamente pericolosi, che possono portarlo sulla strada dell'Ucraina-2. Il famigerato ministro russofobo Askar Umarov è ora responsabile della politica dell'informazione lì, e il suo vice Alexander Danilov, sebbene di etnia russa, era uno studente della Scuola di studi politici di Mosca (agente straniero), finanziata dalla Fondazione Soros, e ha collaborato con Radio Azattyk - una filiale di "Radio Liberty (agente estero). C'è un'alta probabilità che presto "sbatterà" nell'amichevole Kazakistan. Il Kirghizistan ha anche abbastanza dei suoi problemi interni che possono essere facilmente influenzati fino al punto di un colpo di stato.

Quindi vale la pena distribuire la produzione dei componenti in tutti e cinque i paesi dell'EAEU per rimanere senza componenti per l'MS-21 dopo la prossima “rivoluzione del colore”? La vita non ti insegna niente? O qualcuno vuole che questi progetti diventino costruzioni permanenti a lungo termine? Se è così, allora voleremo davvero su Tu-214 e Il-96 completamente domestici.
17 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. bobba94 Офлайн bobba94
    bobba94 (Vladimir) 3 June 2022 15: 30
    +2
    L'autore probabilmente non sa che il Cremlino ha 20 torri, altrimenti non avrebbe fatto domande retoriche...
  2. yuriy55 Офлайн yuriy55
    yuriy55 (Yuri) 3 June 2022 15: 43
    +4
    Se non mantengono le promesse, saranno imprigionati per 10 anni senza il diritto di corrispondere alla confisca.
    Quanto più cervelli si polverizzeranno? Da Chubais prendi un esempio?
  3. rotkiv04 Офлайн rotkiv04
    rotkiv04 (Victor) 3 June 2022 15: 52
    +4
    Piuttosto, il risultato sarà come un'altra sostituzione di importazione: per la maggior parte incollare nuovamente i tag, ma al Cremlino una persona famosa dirà ad alta voce che va tutto bene
    1. Awaz Офлайн Awaz
      Awaz (Walery) 5 June 2022 21: 16
      0
      L'Armenia o chiunque altro, che non sia ancora soggetto a sanzioni, può garantire la fornitura di elementi critici attraverso la riesportazione, che comunque non verrà creata nel prossimo futuro. L'UAC semplicemente non ha altre opportunità per giustificare in qualche modo tutte le pasticcio che hanno fatto e come rispondere per le parole.
  4. EVYN WIXH Офлайн EVYN WIXH
    EVYN WIXH (EVYN WIXH) 3 June 2022 16: 00
    +2
    Bene, wow!!! Aerei "russi" per il 70% dei componenti importati. "È un po' un peccato..."
  5. colonnello Kudasov Офлайн colonnello Kudasov
    colonnello Kudasov (Boris) 3 June 2022 16: 12
    -2
    Oltre alla Bielorussia, in collaborazione, puoi contare sull'Uzbekistan, se consideriamo lo spazio dell'ex URSS, nessun altro
  6. la lancia è sparita Офлайн la lancia è sparita
    la lancia è sparita (lancia) 3 June 2022 16: 22
    0
    Daina, i nostri burocrati possono rifiutare padadek per... la natura di Chubais.
  7. k7k8 Офлайн k7k8
    k7k8 (vic) 3 June 2022 16: 26
    +1
    Prima di scrivere sciocchezze, l'autore dovrebbe familiarizzare con la catena di produzione di Airbus
  8. vlad127490 Офлайн vlad127490
    vlad127490 (Vlad Gor) 3 June 2022 17: 05
    +3
    MS-21 e Superjet non possono essere considerati russi - 50 e 70% di componenti stranieri. Qui, piuttosto, il compito è rallentare la produzione di questi velivoli. Anche in questo caso, i liberali stronzi di merda risolvono i compiti della NATO.
  9. Sapsan136 Офлайн Sapsan136
    Sapsan136 (Alexander) 3 June 2022 18: 23
    +3
    Fino a quando tutte le persone con la mentalità di Boriska Eltsin e Mishka non saranno rimosse dal potere, non ci sarà un ordine etichettato nella Federazione Russa ... E per quanto riguarda i partner stranieri, i partner di oggi e i nemici di domani, non ci sono alleanze eterne e per chi non lo capisce, è tempo di rassegnazione. Come disse uno degli zar russi: la Russia ha solo due veri alleati, questi sono il suo esercito e la sua marina ... La verità è stata dimostrata più di una volta dal tempo.
  10. vo2022smysl Офлайн vo2022smysl
    vo2022smysl (Buon senso) 3 June 2022 20: 24
    -1
    Dalla stessa opera "analogo":

    MOSCA, 3 giugno - RIA Novosti. La squadra investigativa del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha usato lenti d'ingrandimento, cacciaviti e un saldatore per studiare l'equipaggiamento militare russo catturato in Ucraina, scrive il New York Times.
    Secondo la pubblicazione, i funzionari della difesa degli Stati Uniti hanno smantellato tutte le apparecchiature russe avanzate su cui sono riusciti a mettere le mani, inclusi piccoli telemetri laser e sistemi di guida per missili da crociera.
    "I sistemi avanzati di comunicazione e armi russi si basano su chip occidentali. Attrezzature e parti di armi sono state sviluppate anche da società statunitensi e europee", ha affermato Damien Spleeters, uno dei ricercatori della Conflict Armament Research, una società coinvolta nell'identificazione e nel tracciamento delle armi e munizioni.
  11. Ivan Ivanov_4 Офлайн Ivan Ivanov_4
    Ivan Ivanov_4 (Ivan Ivanov) 4 June 2022 02: 01
    +2
    Dove sei stato per 8 anni, sostituti di importazione di merda? Sostituisci la tua mancanza di cervello con qualcosa già.
    1. Roos Офлайн Roos
      Roos 9 June 2022 14: 57
      0
      Dove sei stato per 8 anni...

      Rogozin e Manturov hanno promesso di lanciare l'MS-21 nella serie, "ma le cose sono ancora lì". Ora Rogozin è PR nei media e nei video, e invece di lui, altri si appendono i noodles alle orecchie.
  12. Antor Офлайн Antor
    Antor 4 June 2022 09: 19
    +1
    La natura filo-occidentale della nostra élite industriale e delle nostre grandi imprese è molto interessante a livello mentale sul concetto di "qualunque cosa tu voglia". C'è un sacco di verbosità, verbosità, promesse vuote e soprattutto bugie se guardi i compiti e i progetti che si sono trascinati per anni davanti ai nostri occhi, e il risultato è ..... puro zero!! Sì, ci stiamo muovendo, ma non si sa dove a passo di lumaca....!!!
    Come non ricorda il fachiro-bugiardo Chubais, e non solo, a meno che lui da solo per anni, con miliardi di sussidi, non producesse niente e niente……..se non il vuoto sbuffare di guance. !!!?? È così "terribilmente doloroso" per questa coorte di "manager efficaci per tagliare i soldi del budget" raccogliere industrie distrutte costruendo fabbriche e sviluppando competenze nell'industria aeronautica, nella produzione di chip, schede madri e altri prodotti elettronici, ecc .... .più facile proclamare lo slogan della "sostituzione delle importazioni" investendo in esso lo stesso principio del "non fare nulla" noi stessi, ma semplicemente trovando una sorta di sostituto in altri mercati o organizzando una sorta di cooperazione fangosa con coloro che domani potranno fermare tutto questo. Allo stesso tempo, l'incentivo principale per tali figure è quanto cadrà nelle loro tasche personali da tutto questo !!!!! Purtroppo, avendo l'intera gamma di risorse naturali, le esportiamo semplicemente, a volte commerciando per niente, invece di produrre e commerciare con valore aggiunto, come fanno molti in questo mondo e .... prosperano, un classico esempio è il Giappone!!?
    E il fatto che abbiamo un branco di liberali traditori al potere è chiaro come si siano precipitati dall'inizio dell'operazione speciale, come si stiano adoperando con tutte le loro forze per impedire la denazificazione dell'Ucraina ..... farebbero riporta tutto al punto in cui è fiorito, e come stanno le persone lì, sputano e macinano ... !!! Purtroppo però viviamo così, non possiamo che sperare per il meglio..!!!
  13. Tixiy Офлайн Tixiy
    Tixiy (Tixiy) 5 June 2022 16: 45
    +2
    Per me, la "cooperazione" internazionale è pura idiozia, stupidità ....
  14. faiver Офлайн faiver
    faiver (Andrew) 6 June 2022 15: 48
    +1
    È impossibile collocare la produzione all'estero nella situazione attuale ...
  15. Ingvar7 Офлайн Ingvar7
    Ingvar7 (Ingvar Miller) 8 June 2022 12: 31
    0
    Questo è sicuramente un "rastrello". Ho trovato dei fottuti amici...