Perché l'Iran non ha riconosciuto nuovi territori russi


Negli ultimi due giorni si è verificato un evento molto significativo che merita la nostra attenzione. L'Iran amico, con il quale siamo diventati insolitamente vicini nel 2022, ha rifiutato di riconoscere la Crimea, il Donbass e il Mar d'Azov come russi. Perché è successo e vale la pena essere offeso da Teheran?


Vaso di Pandora


Due giorni fa, il ministro degli Esteri iraniano Hossein Amir Abdollahian ha dichiarato testualmente a TRT World quanto segue:

Riconosciamo la sovranità e l'integrità territoriale dei paesi nel quadro del diritto internazionale, pertanto, nonostante gli ottimi rapporti tra Teheran e Mosca, non abbiamo riconosciuto la secessione delle regioni di Crimea <...>, Luhansk e Donetsk dall'Ucraina <.. .>. Perché insistiamo sul nostro principio coerente all'esterno politica: Quando diciamo che il conflitto in Ucraina non è una soluzione, crediamo nella nostra posizione come principio politico fondamentale.

Perché l'Iran, che nel 2022 è diventato quasi il nostro principale alleato nel confronto con l'Occidente collettivo, si è rifiutato di riconoscere l'incremento territoriale della Federazione Russa?

È improbabile che Teheran si astenga dal riconoscere la Crimea, il Donbass e il Mar d'Azov come russi per paura di qualche tipo di sanzione occidentale. Piuttosto, non lo fa, in modo che poi lui stesso non cada in una buca scavata da un altro. Il fatto è che la stessa Repubblica islamica sta vivendo seri problemi con il separatismo interno.

Per più di un secolo, l'Iran ha affrontato il separatismo azero, che si ritiene sia una risposta alle azioni di Reza Shah, che ha cercato di imporre l'ideologia nazionale iraniana alla minoranza azera. Immediatamente dopo la fine della seconda guerra mondiale, la "Repubblica democratica nazionale dell'Azerbaigian meridionale" è sorta sul territorio dell'Iran ed è esistita per un anno intero. È stato liquidato dal governo ufficiale di Teheran, tuttavia, fino ad oggi, il progetto United Great Azerbaijan è una delle vere minacce all'integrità territoriale della Repubblica islamica dell'Iran. L'idea dell'autonomia dell'Azerbaigian meridionale e del successivo crollo della Repubblica islamica dell'Iran è, naturalmente, alimentata dai partner anglosassoni, così come da quelli pan-turchi che si sono uniti a loro.

Oltre alla minoranza azera, l'Iran ha anche la sua diaspora curda. C'è anche il Kurdistan Free Life Party - PJAK, che è l'equivalente iraniano del Partito dei lavoratori del Kurdistan turco. In Turchia, ricordiamo, il PKK è stato riconosciuto come organizzazione terroristica e per combatterlo Ankara ha già condotto più di un'operazione militare nella vicina Siria. Il PJAK iraniano ha una propria unità femminile, YJRK, e un'ala da combattimento chiamata HRK, o Autodifesa del Kurdistan orientale. Dal 2004, i militanti curdi hanno condotto una lotta armata contro le autorità governative della Repubblica islamica, con l'obiettivo di creare un'autonomia curda in Iran. HRK è ufficialmente riconosciuta come organizzazione terroristica da Teheran, Ankara e Washington.

Oltre agli azeri e ai curdi, anche l'Iran ha problemi con il separatismo beluci. Il popolo beluciano di lingua iraniana è diviso e vive sul territorio di tre paesi contemporaneamente: l'Iran stesso, il Pakistan e l'Afghanistan. Uno dei problemi principali è che circa il 90% della popolazione iraniana professa lo sciismo, ma i beluci sono sunniti. Vivono nella provincia più grande e allo stesso tempo più povera dell'Iran, lontana dalla principale economico e centri industriali del paese e al confine con Pakistan e Afghanistan. Di conseguenza, i beluci afghani e pakistani sono in facile contatto con gli iraniani, il traffico di droga, le armi e l'estremismo religioso attraversano il confine.

Naturalmente, i "partner occidentali" sostengono attivamente i sentimenti separatisti e il progetto del "Balucistan unito". L'organizzazione terroristica islamista Jundallah o Jondallah (tradotto dall'arabo come i soldati di Allah), noto anche come Movimento di resistenza popolare dell'Iran, è composta principalmente da sunniti di etnia balochi, è impegnata in attacchi armati contro le autorità iraniane, la polizia e il personale militare, e nel loro tempo libero - spacciano droga. Ha ucciso più di 400 soldati iraniani. Teheran accusa da tempo Washington di sostenere questa organizzazione terroristica.

Infine, forse il principale problema separatista per la Repubblica islamica è il Khuzestan. Storicamente è successo così che questa provincia iraniana, la più ricca di petrolio e gas, oltre che di risorse idriche e terreni fertili, sia abitata principalmente da arabi di etnia araba, per cui viene spesso chiamata Arabistan. Il Khuzestan si trova nel sud-ovest dell'Iran, confina con l'Iraq e ha accesso al Golfo Persico. Fino al 1925 questo territorio era sotto il protettorato britannico, ea Londra questo è ben ricordato. Dal 1946, il partito separatista Es-Saada combatte per l'indipendenza del Khuzestan dall'Iran. L'Arabistan Liberation Front sta facendo lo stesso. Nel 1990 è stata costituita l'Organizzazione per la liberazione di Al Ahwaz, o ALO, come gli arabi chiamano Khuzestan.

Ciò che è di particolare interesse per noi qui è che è il Khuzestan il punto chiave in caso di scontro militare diretto tra Teheran e Washington. I militari sono noti da tempo piani di Il Pentagono, secondo il quale l'esercito americano può condurre un'operazione di terra, limitata solo all'Arabistan, dove sono concentrate le principali riserve di petrolio e gas iraniano. Facendo affidamento sulla popolazione araba ostile all'Iran, gli Stati Uniti potrebbero tentare di occupare solo una provincia, lasciando che il resto dell'Iran venga rapidamente soffocato dai problemi socio-economici.

Con un approccio così globale, non c'è nulla di sorprendente nel fatto che Teheran non abbia fretta di riconoscere ufficialmente la perdita da parte dell'Ucraina di parte dei suoi territori e l'aggiunta della Federazione Russa da parte loro. È abbastanza ovvio che il ridisegno delle mappe politiche del mondo può avvenire solo a seguito di negoziati o della resa di una delle parti in conflitto armato.
19 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Afinogen Офлайн Afinogen
    Afinogen (Afinogen) 21 gennaio 2023 23: 18
    +7
    Come ha detto Fyodor Ivanovich Sukhov, "L'Oriente è una questione delicata" sì
  2. vlad127490 Офлайн vlad127490
    vlad127490 (Vlad Gor) 21 gennaio 2023 23: 30
    + 11
    L'Iran sta aspettando. Riconosci i forti. Hanno battuto i deboli.
    1. yuriy55 Офлайн yuriy55
      yuriy55 (Yuri) 22 gennaio 2023 12: 21
      +9
      Innanzitutto, la Russia deve dimostrare la sua reale sovranità, e poi il resto la riconoscerà.
  3. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 22 gennaio 2023 00: 30
    +1
    Le cazzate sono tutto questo.
    8 anni non hanno riconosciuto LDNR, 8 mesi - Z e cosa è cambiato 2 giorni fa?
    Non importa
    Sono comparsi un nuovo gufo e un globo? anche improbabile

    Chiaramente, Hossein Amir ha detto: "nel quadro delle leggi internazionali"
    cioè, secondo una serie di leggi, accordi, norme, il territorio dei paesi è considerato loro .... fino a quando non ci saranno nuovi accordi internazionali.
    Sono? No.

    La Bielorussia non riconosce, la Cina non riconosce, l'Iran non riconosce, neanche tutti i tipi di Kazakistan riconoscono ... e questi sono i paesi più fedeli ...
    Quindi nessuno ha riconosciuto l'autoproclamata Ichkeria, o una specie di Kurdistan, o il califfato islamico, sebbene alcuni musulmani simpatizzassero ...
    Sì, e siamo LDNR - anche fino al 24 ... per lo stesso motivo.

    Poiché la politica è transitoria e i giocatori seri non sembreranno degli sciocchi, riconoscendo immediatamente qualcosa con uno schiocco di dita ....
    E non creeranno nemmeno precedenti. L'Iran ha i curdi al suo fianco. In Cina - e Tibet e Taiwan, e Hong Kong e chi altro ... riconosci qualcosa di "MMMnoe" - e "MMMshniki" richiederà immediatamente il riconoscimento, ad esempio, il Tibet ..
    1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
      Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 22 gennaio 2023 01: 27
      +1
      (Serge) Non confondere accomodamenti politici e ipocrisia con azioni reali. Non riconoscimento di varie nuove realtà, solo per non dar luogo a sanzioni diverse per gli Stati Uniti e i suoi satelliti. I giochi politici degli Stati Uniti sono in piena fioritura, ma presto la loro ora finisce...
  4. Polvere Офлайн Polvere
    Polvere (Sergey) 22 gennaio 2023 03: 11
    +4
    Teheran non ha fretta di riconoscere ufficialmente la perdita da parte dell'Ucraina di parte dei suoi territori

    Hanno riconosciuto la perdita della provincia dell'Ucraina da parte della Russia? … Doppi standard! Eltsin, Kravchuk, Shushkevich non avevano il diritto e l'autorità in Belovezhskaya Pushcha per decidere l'indipendenza delle repubbliche. Poiché a quel tempo facevano parte di un unico stato. Guidato dal presidente M. Gorbaciov. In effetti, ora c'è una guerra civile in una certa regione ...
  5. borisvt Офлайн borisvt
    borisvt (Boris) 22 gennaio 2023 11: 39
    0
    Grazie all'autore per l'analisi dettagliata, ora le proteste affollate e la situazione stanno diventando più chiare.
    Per quanto riguarda il riconoscimento, lo riconosceranno nel tempo, quando i contorni di ciò che deve essere riconosciuto si stabilizzeranno, quando sembreranno più definiti. Ora tutto è solo all'inizio. Sto aspettando che la Polonia si unisca all'esercito regolare, in modo da ottenere il corridoio di terra da postare a Kaliningrad
  6. precedente Офлайн precedente
    precedente (Vlad) 22 gennaio 2023 11: 43
    +6
    La violazione dei confini dell'URSS è stata riconosciuta da tutti, nonostante l'incostituzionalità degli accordi Belovezhskaya, la loro illegittimità, nonostante gli accordi di Helsinki sull'inviolabilità dei confini in Europa, il diritto internazionale e altri gusci legali.
    Esattamente quel guscio.
    Perché se a scapito della Russia, tutti riconoscono tutto. E l'avvelenamento degli Skripal, l'abbattimento del Boeing malese, l'esplosione dei Nord Stream e altre ovvie eresie.
    Perché sia ​​l'Europa che gli Stati Uniti sono fascisti.
    Perché la russofobia è l'unica e immutabile sensazione che gli occidentali abbiano paura della Russia.
    Ma non sai mai chi e cosa non riconosce.
    Inoltre, non riconosciamo il diritto degli Stati Uniti all'esclusività, non importa quanto possa essere stridente.
    Le parole non sono importanti quanto i fatti.
    L'Iran ci ha aiutato con i droni, non con l'Ucraina, come i turchi. E questo è il punto principale.
    1. vlad127490 Офлайн vlad127490
      vlad127490 (Vlad Gor) 22 gennaio 2023 13: 20
      +6
      Negli anni '1990 del ventesimo secolo, in URSS fu effettuato un colpo di stato da una manciata di principi, khan, sultani, baie shtetl che volevano essere ereditari, fu commesso un reato, fecero a pezzi l'URSS in territori specifici .
      L'uscita delle repubbliche sindacali dall'URSS è stata possibile solo con una decisione positiva ottenuta al referendum dell'URSS e l'attuazione della legge dell'URSS del 3 aprile 1990 n. 1409-I “Sulla procedura per la risoluzione delle questioni relative all'uscita di una repubblica sindacale dell'URSS”.
      La Costituzione dell'URSS del 1977 fu adottata da tutti i popoli dell'URSS e solo l'intero popolo dell'URSS poteva autorizzare l'uscita di qualsiasi repubblica sindacale dall'URSS.
      L'uscita delle repubbliche senza referendum nazionale in URSS e il mancato rispetto della legge 3 aprile 1990 n. 1409-I è un reato che non ha termini di prescrizione.
      La Russia odierna è il successore legale sia dell'antica Rus', sia del regno di Mosca, dell'Impero russo e dell'Unione Sovietica. La successione è sancita dall'articolo 67.1 della Costituzione della Federazione Russa.
      È necessario che la Federazione Russa-Russia, in quanto successore dell'Impero russo (1917) e dell'URSS (1991), e in quanto proprietaria del territorio dell'URSS, assicuri alla Russia la proprietà di questo territorio entro i confini del 1975 (accordi di Helsinki) per via legislativa, unilateralmente.
      La Russia non ha trasferito, venduto o donato i suoi territori, così come i suoi beni esteri, alle ex repubbliche sovietiche dell'URSS.
      Tutti gli eventi militari che si svolgono sul territorio dell'ex Unione Sovietica tra le repubbliche sono una guerra civile e sono interni, non necessitano del riconoscimento di stati stranieri.
  7. kalita Офлайн kalita
    kalita (Alexander) 22 gennaio 2023 13: 51
    +3
    Sì, non frega niente, l'importante è che i territori siano già nostri, ma non tutti. Odessa e Kharkov devono far parte della Russia.
  8. rotkiv04 Офлайн rotkiv04
    rotkiv04 (Victor) 22 gennaio 2023 15: 33
    +6
    ma cosa ammettere se il Cremlino stesso organizza ogni sorta di gesti di buona volontà, prima tiene referendum, poi riconosce i territori come russi e li introduce nella Costituzione, e poi li lascia allo stesso tempo, anche obiettivi chiari non ne valgono la pena questa guerra (sulla denazificazione e altre de ... già solo divertenti, dal momento che tutta questa politica ha portato a nazificazione e melitarizzazione ancora maggiori), Putin dovrebbe prima mettere le cose in ordine nella sua testa
    1. vlad127490 Офлайн vlad127490
      vlad127490 (Vlad Gor) 22 gennaio 2023 16: 53
      +3
      Hai ragione. È impossibile sconfiggere il nemico se il nemico non viene nominato. Non ha fissato un obiettivo. Non c'è strategia. In tattica, estremi e timidezza. Non vi è alcuna base legale per la Federazione Russa per condurre un NWO in Ucraina, vale a dire non esiste una legge che legiferi che l'intero territorio dell'Ucraina, sequestrato e strappato via dai separatisti con l'aiuto della NATO, sia di proprietà della Russia.

      Perché le forze armate RF si sono ritirate è mostrato nell'articolo: https://topwar.ru/206569-bol-i-nischeta-rossijskoj-artillerii.html
      Dolore e povertà dell'artiglieria russa

      Il problema è che due eserciti si sono scontrati - uno dei tempi della prima guerra mondiale (questo è russo), il secondo - del livello della guerra del Golfo del 1990. E ahimè, il secondo esercito fa davvero incubo al primo. E il primo non può farci niente, perché il secondo esercito ha un enorme vantaggio: vede più lontano e meglio, scambia informazioni più velocemente a tutti i livelli, è più mobile.

      Questo vale per tutti i tipi di armi delle forze armate RF. Le azioni dello stato maggiore della Federazione Russa sono corrette, questo sta andando sulla difensiva.
      Se non puoi risolvere il problema oggi senza farti del male, allora appendilo in aria, crea incertezza, ambiguità e lascia che il nemico agisca, e aspetti e raccogli forza, verrà il tuo momento, sii paziente.
  9. Sergey Ivanov_5 Офлайн Sergey Ivanov_5
    Sergey Ivanov_5 (Sergey Ivanov) 22 gennaio 2023 18: 16
    +4
    Uno dei motivi della sfiducia nei confronti della politica ipocrita della Russia: ricorda le sciocchezze che Lavrov ha portato, spiegando il motivo del mancato riconoscimento del Donbass per 8 anni.
    1. Di passaggio Офлайн Di passaggio
      Di passaggio (Galina Rožkova) 22 gennaio 2023 22: 18
      +2
      Sì, l'élite russa non aveva intenzione di tagliare qualcosa dall'Ucraina, dalla Crimea, e se ne andò, perché lo voleva davvero, e non aveva tempo per il filo-ucraino, ed era importante militarmente. Lo hanno dato via, poi lo hanno ripreso. Ebbene, che altra sciocchezza portare Lavrov, se non riescono a capirsi lì.
    2. Alessio Офлайн Alessio
      Alessio (Alexander) 23 gennaio 2023 20: 46
      0
      Questa assurdità si chiama "politica".
  10. Vox populi Офлайн Vox populi
    Vox populi (Vox populi) 22 gennaio 2023 20: 33
    +2
    Con un approccio così integrato, non c'è nulla di sorprendente nel fatto che Teheran non abbia fretta di riconoscere ufficialmente la perdita da parte dell'Ucraina di parte dei suoi territori e l'aggiunta della Federazione Russa da parte loro.

    In effetti, questo è più naturale che sorprendente. Tuttavia, bisogna riconoscere il fatto ovvio che altri paesi nella stragrande maggioranza non riconoscono i cambiamenti territoriali in corso ...
  11. usm5 Офлайн usm5
    usm5 (Giorgio) 22 gennaio 2023 20: 45
    +4
    Ad essere onesti, praticamente nessuno lo riconoscerà finché esisterà l'Ucraina sovrana. Ecco la risposta alla domanda su cosa bisogna fare affinché le terre annesse siano riconosciute come russe.
  12. Il commento è stato cancellato
  13. Di passaggio Офлайн Di passaggio
    Di passaggio (Galina Rožkova) 22 gennaio 2023 22: 12
    +2
    Grazie, ottimo articolo. Ma c'erano altre cose, inclusa la truffa con il grano, in relazione all'Iran. Al centro di tutto c'è l'intervento degli anglosassoni, divide et impera, sì. E perché qualcuno dovrebbe affrettarsi se la stessa Russia si è affrettata solo adesso, per il bene dei referendum. Tutto si sistemerà. Dobbiamo vincere. I confini saranno disegnati dai vincitori. Nessuno darà alcuna garanzia a Putin. Dovranno essere presi con una lotta.
  14. Alessio Офлайн Alessio
    Alessio (Alexander) 23 gennaio 2023 20: 45
    0
    L'Oriente rispetta la forza, e non solo l'Oriente, il mondo intero. È come durante l'infanzia in cortile: il più forte ha ragione, il più delle volte era un sacco di merda. Quando vinciamo e assicuriamo la proprietà dei territori con una sorta di atto internazionale, tutti lo ammetteranno, ma c'è, ad esempio: un atto di resa firmato dalla parte ucraina che afferma di restituire il 75% del suo territorio alla Russia per restaurare la giustizia storica.