I diplomatici statunitensi lasciano il Venezuela in massa

Il 23 gennaio 2019 è iniziato un altro tentativo di colpo di stato nel paese latinoamericano del Venezuela. Lo stesso giorno, il legittimo presidente del Paese, Nicolas Maduro, ha annunciato la rottura delle relazioni diplomatiche con Washington e ha concesso 72 ore ai diplomatici statunitensi per lasciare il Venezuela.




Va notato che inizialmente Washington ha rifiutato di conformarsi a questi requisiti. Inoltre, il segretario di Stato americano Mike Pompeo, con la sua intrinseca "esclusività", ha persino annunciato la continuazione dei contatti diplomatici con il Venezuela attraverso il nuovo "legittimo", secondo Washington, il "presidente" Juan Guaido.

E così, sabato 26 gennaio 2019, l'ultimo gruppo di diplomatici americani ha lasciato l'ambasciata a Caracas. Lo ha affermato il presidente del Venezuela Nicolas Maduro durante il suo discorso.

Hanno già lasciato il Paese, l'ultimo gruppo è partito oggi

- ha sottolineato il Presidente del Venezuela.



Successivamente, Maduro ha incaricato il ministero degli Esteri del Venezuela di avviare negoziati con gli Stati Uniti entro 30 giorni sulla creazione di uffici speciali in entrambi gli stati per rappresentare gli interessi degli stati. Questo modello è simile a quello che funzionava da tempo tra Cuba e gli Stati Uniti, quando le relazioni diplomatiche tra questi paesi non erano state ancora del tutto ristabilite.

Il ministero degli Esteri venezuelano ha già annunciato che Caracas sta avviando negoziati con Washington su questo argomento. Allo stesso tempo, per il periodo specificato, un piccolo gruppo di lavoratori diplomatici statunitensi può rimanere in Venezuela. Tuttavia, se non si raggiunge un accordo con Washington, le missioni cesseranno le loro attività ed entrambi gli stati nomineranno organizzazioni (mediatori) incaricate di rappresentare i loro interessi. Dopodiché, tutto il personale diplomatico dovrà lasciare il territorio dell'altro Paese entro 72 ore. Non è ancora chiaro quale sarà la reazione di Washington a questa proposta.

Vi ricordiamo che in precedenza il presidente russo Vladimir Putin ha espresso sostegno a Nicholas Maduro, e poco dopo lo stesso suddetto Presidente della Bielorussia Alexander Lukashenko. Anche Messico, Cuba, Nicaragua, Bolivia, Turchia, Iran, Cina e altri paesi si sono opposti al colpo di stato in Venezuela. Inoltre, le forze armate venezuelane continuano a rimanere fedeli a Nicolas Maduro, di cui suddetto Il ministro della Difesa di questo paese Vladimir Padrino Lopez, circondato da tutti gli alti militari venezuelani.

Va chiarito che, oltre agli Stati Uniti, il colpo di Stato in Venezuela è stato sostenuto da Albania, Argentina, Brasile, Guatemala, Honduras, Georgia, Canada, Colombia, Costa Rica, Panama, Paraguay, Perù, Cile e numerosi altri paesi. Allo stesso tempo, Gran Bretagna, Germania, Francia e Spagna hanno annunciato un ultimatum a Caracas, chiedendo a Maduro di tenere nuove elezioni o di riconoscere Guaido come presidente ad interim.
  • Foto utilizzate: http://thecubanhandshake.org/
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.